Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Gomasio: come usarlo in cucina

Logo DeAbyDay DeAbyDay 12/02/2019 De Agostini Editore
© lunamarina - Fotolia.com

Dalla tradizione giapponese alla cucina italiana: il gomasio ha da tempo valicato i confini nipponici entrando a pieno titolo negli usi gastronomici della Penisola, dove viene considerato una delle più diffuse alternative al sale.
 
La cosa non stupisce, dato che i suoi due ingredienti principali, sale marino integrale e semi di sesamo, sono ampiamente reperibili anche sul nostro mercato.
 
In più il gomasio, rispetto al sale, ha tante virtù benefiche. Grazie al sesamo, è fonte di acidi grassi essenziali omega-6 e omega-3 e aiuta a mantenere in salute il sistema cardiocircolatorio. Contiene inoltre sali minerali come fosforo, ferro e calcio, apporta una buona dose di proteine, è facile da digerire e favorisce il benessere dell’intestino.
 
Per poter beneficiare al meglio delle sue qualità nutrizionali il consiglio è di unirlo agli ingredienti a crudo.
 
E non esagerare con le dosi! Il suo apporto calorico infatti non è trascurabile: sono addirittura 570 Kcal ogni 100 grammi.
 
Il gomasio dona ai piatti un tocco di sapore delicato, originale e vagamente esotico e si può applicare a tantissime ricette.
 
Esalta il gusto di carni e minestre, ma si sposa alla perfezione anche con il pesce alla griglia o in padella. È molto usato nelle insalate e arricchisce senza sovrastarla la dolcezza del riso bollito o dei cereali. Spesso e volentieri si abbina a pasta, legumi, seitan e tofu.
 
Il gomasio in pratica si può usare con tutti i tipi di piatti, proprio come il sale e, spesso, anche in sostituzione del dado.
 
Leggi anche:
Gomasio: la ricetta per prepararlo a casa
Gli 8 benefici di una vita a basso contenuto di sale

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da DeAbyDay

image beaconimage beaconimage beacon