Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Sally Field, gli abusi del patrigno e l'aborto a 17 anni

Logo Lettera D Lettera D 12/09/2018 LetteraDonna
In Pieces è il titolo dell'autobiografia di Sally Field, in uscita il 18 settembre. Racconta degli abusi fino ai 14 anni e di un aborto in Messico a 17. © GettyImages In Pieces è il titolo dell'autobiografia di Sally Field, in uscita il 18 settembre. Racconta degli abusi fino ai 14 anni e di un aborto in Messico a 17.

Sally Field, famosa per i ruoli di mamma di Tom Hanks in Forrest Gump ed ex moglie di Robin Williams in Mrs. Doubtfire , si è confessata in un'intervista sul New York Times parlando degli abusi subiti dal patrigno ancora bambina e dell'aborto quando aveva solo 17 anni. La biografia dell'attrice intitolata In Pieces, scritta solo dopo la morte della madre Margaret, è in uscita il 18 settembre. Le pagine del libro raccolgono le confessioni di una Sally bambina, oggi 71enne, che si sentiva «indifesa, ma allo stesso tempo troppo grande».

GLI ABUSI: «NON CREDEVO DI AVERE UNA VOCE»

Nell'intervista, la Field ha ammesso di non aver parlato degli abusi per molto tempo perchè «non credevo di avere una voce» e di aver condiviso questo segreto con la madre solo sul letto di morte: quando nel 2012 la donna si è ammalata di cancro e lei ha sentito che era giunto il momento di parlare. Dopo il divorzio dal primo marito, Richard Field, nel 1952 la madre Margaret sposò Jock Mahoney, attore famoso per il ruolo in Tarzan. I due divorziarono nel 1968, e lui morì nel 1989. Di Jocko, come era stato soprannominato in famiglia, Sally ha raccontato: «Sarebbe stato più facile se lui fosse stato una cosa sola, se fosse stato solo cattivo e spaventoso. Ma non lo era. Sapeva essere mangico, come un pifferaio magico che la nostra famiglia seguiva ovunque». Gli abusi andarono avanti per anni, «non fu l'incidente di una volta», fino ai 14 anni della ragazza. L'attrice ha raccontato di aver sperimentato poi, appena adolescente, un «risveglio carnale che le fece perdere la testa», causato probabilmente dalla precocità con cui era stata introdotta al sesso. Rimase incinta e, a soli 17 anni, abortì in segreto a Tijiana, in Messico.

Sally Field Biografia © GettyImages Sally Field Biografia

GLI UOMINI E GLI AMORI

La sua vita proseguì e riuscì poi, come ha raccontato lei stessa, a trovare l'amore. Dall'unione con il primo marito, Steven Craih, nacquero i figli Peter ed Eli, prima che i due divorziarono però nel 1975. Il secondo matrimonio con Alan Greisman, che si concluse nel 1993, portò la nascita del terzo figlio, Sam. Nel libro, l'attrice ha citato anche il cantante Jimmy Webb, che trovò sopra di lei svegliandosi dopo una notte di sesso e droga. Parlando degli uomini della sua vita, la Field si è soffermata su Burt Reynolds, morto il 6 settembre, parlando di una relazione «confusa e complicata» per colpa dell'abuso di stupefacenti, e ha detto di essere contenta che lui non possa aver letto la sua storia, «perché lo avrebbe fatto soffrire troppo».

LA RECITAZIONE COME TERAPIA

Il successo come attrice, comunque, la aiutò a superare i traumi del passato: «Non ero più parte del club delle persone normali, ero una celebrità». Il talento e la dedizione la portarono ad eccellere nella recitazione: due Oscar, vinti per i suoli in Norma Rae (1979) e In Places of the Hearth (1985), e tre Emmys, per Brothers & Sister, ER e The Big Event.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Lettera D

image beaconimage beaconimage beacon