Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Venezia 74, Leone d'oro a "The Shape of Water" di Guillermo Del Toro

Logo Tgcom24Tgcom24 09/09/2017 Redazione Tgcom24
© articolo

"The Shape of Water" di Guillermo del Toro si è aggiiudicato il Leone d'oro della 74.ma Mostra del cinema di Venezia. Leone d'argento per la miglior regia a Xavier Legrand, per "Jusqu'à la garde" mentre il Gran premio della giuria va a "Foxtrot" di Samuel Maoz. Kamel El Basha ("The Insult") si è portato a casa la Coppa Volpi come miglior attore mentre miglior attrice è Charlotte Rampling per il film italiano "Hannah", di Andrea Pallaoro.

C'è quindi anche un po' di Italia nei premi assegnati dalla giuria presieduta da Annette Benning. Nel ritirare la coppa Charlotte Rampling ha ringraziato i suoi maestri italiani, da Luchino Visconti a Liliana Cavani, da Adriano Celentano a Gianni Amelio. Le altre stauette assegnate sono state quelle per il premio "Marcello Mastroianni", per il miglior attore emergente a Charlie Plummer, interprete di "Lean On Pete", mentre il premio speciale della giuria è andato a "Sweet Country", di Warwik Thornton. Michelle Pfeiffer ha consegnato il riconoscimento per la miglior sceneggiatura a Martin McDonagh, autore di "Three Billboard Outside Ebbing, Missouri".

I PREMI DELLE ALTRE SEZIONI - La cerimonia, presentata da un emozionato Alessandro Borghi, dopo l'introduzione di rito, parte con i primi premi assegnati per la nuova sezione "Venice Virtual Reality". E' il presidente dell'apposita giuria, John Landis, a consegnarli. Il primo è per la migliore storia raccontata con lo strumento della realtà virtuale, e va a "Bloodless", di Gina Kim. "La camera insabbiata", di Laurie Anderson e Hsin-Chien Huang, per il film che meglio ha sfruttato la realtà virtuale. E infine, per il miglior lavoro in realtà virtuale, "Arden's Wake (Expanded)" di Eurgene YK Chung.

Giuseppe Piccioni, presidente della giuria "Venezia Classici", consegna due premi: il primo è per il miglior documentario sul cinema, che va a "The Prince and the Dybbuk", di Elwira Niewiera e Piotr Rosolowski; il secondo premio invece è quello per il miglior film restaurato, che va a Elen Klimov per "Idi i smotri".

IL LEONE DEL FUTURO - E' quindi la volta del premio Leone del futuro, miglior opera prima "Luigi De Laurentiis". Due premi da 50.000 euro che vanno al regista e al produttore di "Jusqu'à la garde" di Xavier Legrand, che torna a casa quindi con una bella doppietta.

I PREMI ORIZZONTI - La giuria della sezione Orizzonti, presieduta da Gianni Amelio, ha assegnato sette premi ai film che rappresentano le nuove tendenze estetiche del cinema. "Gros chagrin", di Celine Devaux vince quello per il miglior cortometraggio. Si prosegue con la statuetta per la miglior sceneggiatura, che viene assegnato a Dominque Welinski e Renè Ballesteros per "Los versos del olvido". Poi tocca al miglior attore, Navid Mohammadzadeh, per "Bedoune Tarikh, Bedoune Emza" e alla miglior attrice Lyna Khoudri, interprete del film "Les Bienheureux" di Sofia Djama. C'è anche un premio speciale della giuria Orizzonti, assegnato a "Caniba", di Verena Paravel e Lucien Castaing-Taylor. Si passa quindi alla miglior regia, con il premio a Vahid Jalilvand, per "Bedoune Tarikh, Bedoune Emza" e infine al miglior film, che è "Nico, 1988", di Susanna Nicchiarelli.

ALTRO SU MSN:

Venezia. Hannah, ultimo film italiano in concorso. Intervista a Charlotte Rampling (Rai News)

Riproduci nuovamente video

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Tgcom24

image beaconimage beaconimage beacon