Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Wonder Woman, vietato l’ingresso agli uomini

Logo Lettera D Lettera D 29/05/2017 Redazione
Wonder Woman, vietato l’ingresso agli uomini © Fornito da Lettera D Wonder Woman, vietato l’ingresso agli uomini

Diretto da Patty Jenkins, il film Wonder Woman non è ancora uscito nelle sale ma fa già parlare di sé. Negli Stati Uniti, infatti, il cinema Alamo Drafthouse di Austin e di New York ha organizzato per il 6 giugno cinque spettacoli riservati esclusivamente alle donne. Gli uomini non saranno presenti neanche tra gli impiegati: tutto sarà rigorosamente al femminile e gli incassi saranno destinati alla pianificazione familiare minacciata dalla politica di Donald Trump. 

LA POLEMICA

Un'iniziativa dal chiaro significato politico, che però non ha ricevuto il consenso di tutti. Anzi. Molti sostengono che si tratti di una proposta sessista, che punta il dito contro gli uomini. «Se organizzate delle proiezioni di Thor 3 destinate soltanto agli uomini ci sarebbero molti problemi e voi lo sapete», ha commentato indignato un internauta. Un altro, per dimostrare l'illegalità dell'iniziativa, ha fatto addirittura riferimento alla legge federale «che proibisce discriminazioni sulla base della razza, colore della pelle, origini, sesso e religione». La società che ha dato il via all'iniziativa ha risposto alle polemiche con un post su Facebook: «Abbiamo più volte organizzato proiezioni speciali per i militari e i veterani».

BIGLIETTI VENDUTI IN UN'ORA

Non solo detrattori però. La proposta è piaciuta a molti sostenitori dei diritti delle donne ed è stata salutata positivamente anche da personaggi noti: i biglietti sono stati venduti tutti. In un'ora soltanto.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Lettera D

Scegli tu!
image beaconimage beaconimage beacon