Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Rossetti: rosa e pesca, in chiave rock

Logo D La Repubblica D La Repubblica 27/09/2018 di Maria Maccari

“Lipstick is powerful”, proclama la make up artist internazionale Charlotte Tilbury. «Ha la capacità di cambiare completamente il vostro stato d'animo: può aumentare la vostra fiducia, ricaricarvi quando siete giù, aggiungere glamour immediato a qualsiasi mise e migliorare immediatamente la vostra bellezza: La felicità sta in tubetto!”.

PASTELLO E SEDUZIONE: QUANTO VANNO D’ACCORDO?

La Tilbury è così convinta che un semplice rossetto possa cambiare la vita (Lipstick Index insegna, d’altronde) da averne creata una collezione alla quale ha dato il nome di Hot Lips. D’accordo tutti che un rossetto rosso possa fare la differenza in moltissime occasioni, ma come la mettiamo con la categoria “pastello”? Colori pastello e seduzione, vanno d’accordo? Oppure pesca, albicocca, beige rosati e rosa sono destinati a rimanere sempre e comunque nella categoria “romantico e lezioso”, adatti alle giovanissime o alle signore di una certa età che vorrebbero “osare ma non troppo”? Certo, Pantone ha dato una grossa mano nello sdoganamento di rosa e azzurro decretandoli colori dell’anno un paio di stagioni fa e dando il via alla mania del rosa che, nel frattempo, è diventato "pink millennial", ma come possiamo essere d’accordo sul fatto che indossare un rossetto rosa candy, pesca, albicocca non ci faccia apparire eterne Barbie? Sempre Charlotte Tilbury nella sua collection ha previsto dei toni pink associandoli ad alcune star, come Nicole Kidman per la quale ha dato vita al Kidman's Kiss, definito: "Il perfetto compagno di una rossa, un rosa pink petal che ricorda il fiorire di colore sulle labbra di bellezze pre-raffaellite”. A Liv Tyler ha invece associato Liv It Up, un rosa morbido e caramelloso ispirato alla signature style dell’attrice, attitudine rock e bellezza etera. Mentre per Kate Bosworth, attrice bionda e delicata, ha ripescato i codici colore dei pink anni ’50, dal sapore retrò e li ha reinterpretati in chiave moderna, dando vita a un rosa brillante che richiama l’eleganza senza tempo della vecchia Hollywood ma che può essere tranquillamente indossato a un festival musicale. Charlotte Tilbury ha anche creato delle shades per la royal family, in particolare per la Duchessa Kate e per la regina Elisabetta che, come vuole il protocollo, non possono indossare rossetti dai colori troppo accesi e al di fuori della palette dei rosa. Ecco dunque The Duchess, un rosa tenue e lucido, a base di pigmenti e cere riflettenti e Legendary Queen, un rosa quasi rosso e mat.

COLORI PASTELLO E CARNAGIONE

© Fornito da D La Repubblica

Divertirsi seducendo e sedurre divertendosi è dunque il nuovo diktat e un rossetto può aiutare, giocando con i colori e la lucentezza. Perché quante anime può avere un rossetto? Mille. Come quelle delle donne che lo indossano: sa adattarsi all’umore e sa prendersi cura delle labbra. Soprattutto, sa come renderle uniche e come valorizzarne il fascino, come espresso dalla Tilbury. Ma, da oggi, può fare ancora di più. Il tentativo, dunque, da parte delle aziende e dei make up artist, è quello di percorrere questa via e di reinterpretare in chiave moderna codici che giungono dal passato, cercando di stravolgere regole ormai consolidate e ravvivarle con brio e leggerezza e con nuance nuove e sorprendenti in grado di unire la doppia anima delle moderne “ragazze”, di ogni età: femminile e delicata, ma anche rock all’occorrenza. «Non ci sono più i diktat di una volta che indicavano colori forti per labbra più evidenti e tutti i toni del rosa per quelle sottili», ha spiegato Davide Frizzi, national make up artist Christian Dior. Anche il rapporto colore e carnagione non è più così definito: «Con la pelle chiara sono perfetti anche tonalità forti come il corallo e i rossi perché danno vivacità e accendono il viso dando una nuova luce», conclude Frizzi.  «I colori pastello sono molto amati dalle consumatrici. In passato abbiamo visto dominare una contrapposizione: nudo o deep come viola e prugna, oggi invece abbiamo o nuance forti o il pastello, il nudo non è più un must (che Kim Kardashian aveva contribuito a lanciare come tendenza), anche perché con la pelle abbronzata i rossetti nude non valorizzano, spengono la pelle», spiega il make up artist Claudio Fratoni, al quale abbiamo chiesto di spiegarci come comportarsi con i rossetti color pastello, se ci sono “controindicazioni all’uso” o possono essere tranquillamente indossati da tutte, a tutte le età e con qualunque carnagione. «I colori universali sono rosa, albicocca, molto magenta e tutte quelle tonalità ibride a metà tra arancio e rosa, che quando si vedono non si apprezzano molto ma poi una volta applicate sulle labbra sono molto richieste. Questo perché la pelle in estate è più scura per l’abbronzatura e dunque si vuole illuminare, considerato anche che la tendenza vira al soft, abbronzarsi sì ma senza troppo colore e con un trucco che pone l’accento sulle guance, illuminate da un highlighter e sulle labbra evidenziate da un velo di rossetto che dona carattere».

A. Selman © NON+CLASSIFICATA A. Selman

TI POTREBBE INTERESSARE: Rossetti: i colori più trendy dell’estate 2018

Meglio un finish mat o brillante? «Io preferisco il brillante» prosegue Fratoni, «perché il mat non dona a tutte, quindi va saputo scegliere. Se abbinato alla tonalità di pelle giusta va bene, altrimenti meglio evitare». Pelle chiara e rossetti pastello, vanno d’accordo?  «Sì se si segue la tendenza californiana e si scelgono colori tenui, delicati ma con una punta di arancione o giallo. Così si ottiene una luminosità particolare senza arrivare all’effetto Barbie».

Quindi anche con l’abbronzatura vanno bene i toni pastello, dal rosa al pesca? «Certamente. Quest’anno poi va molto la finitura effetto gold, magari mettendo gloss beige e dorati al centro delle labbra, molto interessante perché molto estiva». In questo ci aiuta Peter Philips, international make up artist Christian Dior, che per la Maison ha messo a punto Dior Addict Ultra-Gloss, giocando proprio con i finish alla ricerca di effetti cromatici sorprendenti, dai quali sono scaturiti rosa lurex intrisi di madreperla o tono su tono e cangianti sotto la luce come i rosa ibisco luminosi e dai riflessi acquatici. Chiudiamo con la segnalazione di un trend sul quale vi invitiamo a meditare: una bocca perfettamente scolpita, enfatizzata dall’abbinamento di diverse nuance, giocando tra sfumature e colori intensi.

www_donna © Fornito da La Repubblica www_donna

ALTRO SU MSN: 

Un rossetto unico (Mediaset)

Riproduci nuovamente video

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da D La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon