Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Costumi da bagno: al mare si va vintage

Logo D La Repubblica D La Repubblica 4 giorni fa di Serena Tibaldi e Donatella Genta

Tre modelli di Miu Miu © NON+CLASSIFICATA Tre modelli di Miu Miu A ciascuna stagione il proprio costume da bagno. Potrebbe essere questo il mantra ideale per dare il via agli acquisti a tema della stagione. Effettivamente, nonosante il clima "locale" non sia ancora al meglio, si moltiplicano sempre di più le persone che scelgono l'inizio primavera come punto di partenza per acquistare il beachwear con cui trascorreranno l'estate: per prima cosa, la scelta è dovuta alla tendenza sempre più frequente di passare ponti e weekend primaverili al caldo all'estero e inoltre, cosa da non sottovalutare, gli stilisti puntano sempre di più sui costumi, portando in passerella una quantità di modelli e di proposte in apparenza insolita e pensata proprio per "imprimersi" nei consumatori. Dunque, è naturale che la categoria occupi uno spazio sempre maggiore nel budget stanziato per abbigliamento e accessori; anche per questo motivo i costumi da bagno si stanno facendo sempre più costruiti e "complessi": i marchi sanno quanto siano diventati importanti, e dunque cercano di offrire sempre più spesso pezzi il più simili possibile, per costruzione, decori e silhouette, agli abiti di tutti i giorni.

GUARDA LE IMMAGINI

Naturale dunque, visti anche i trend più in voga nel periodo, che a dominare sia l'allure anni '50 e le atmosfere rétro: un trionfo di bustini, coppe a balconcino ben sagomate, coulotte a vita alta, ruches e gonnellini che sono perfetti per dare il via alle sessioni sotto il sole. Sono in altre parole una sorta di via di mezzo tra l'abbigliamento di tutti i giorni e i bikini più striminziti da piena estate, quelli da usare per assicurarsi un'abbronzatura perfetta e uniforme. Passando invece alla tendenza "mare vintage", si può notare quanta parte giochino stampe, colori e applicazioni: giusto, anche perché sono i modelli stessi, di base piuttosto castigati, a permettere simili decori.

Delle fome si è già detto: si va dai classici costumi interi (alcuni non sfigurerebbero per nulla in un film di Esther Williams) ai bikini da pin-up, dai modelli più moderni con oblò e drappeggi strategici a quelli che esaltano e snelliscono la figura. Un effetto fondamentale per il successo della tendenza: molti infatti dei modelli proposti funzionano come vere e proprie guaine modellanti. Con loro si riesce cioè a essere sia in piena tendenza che al meglio in termini fisici: furbi, non c'è che dire. Passando alle decorazioni, passiamo dalle righe (meglio se diagonali e convergenti, snelliscono ancora di più) alle classiche stampe fiorate, dai pois alla tinta unita vivacizzata da volant e ruches; capitoloa parte lo merita l'accessoriamento visto in passerella: si va dalle cinture ai soprabiti usati come accappatoi, passando per le ciabattine ricamate (altro must del periodo) alle classiche cuffie a effetto bouquet di fiori. Le ha proposte Miu Miu, brand leader della tendenza, e per quanto nonsiano acilissime da indossare, sono di sicuro effetto.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da D La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon