Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Dieta del ciclo: come sfruttarlo per dimagrire

Logo Style 24 Style 24 27/10/2018 Simona Bernini
dieta © Fornito da Nextone Media Limited dieta

Forse molti di voi non la conoscono, ma vi è una dieta che permette di ridurre il gonfiore e assottigliare il girovita. Stiamo parlando della dieta del ciclo che permette di perdere i chili di troppo. Per chi vuole provarla e non sa di cosa si tratta, qui potete trovare tutte le nozioni necessarie, compreso il programma, gli esercizi, oltre a un integratore a base naturale che fornisce ottimi risultati al dimagrimento.

Dieta del ciclo

Si tratta di un regime alimentare che cambia di mese in mese, che si basa sulla naturale variazione degli ormoni e quindi sugli alimenti da consumare ogni volta. La fase del pre e del post ciclo non condiziona solo l’umore di molte donne, ma anche il peso. Si tratta di una metodologia dietetica che cambia in base alla donna, al periodo ormonale, ecc.

I gonfiori, il peso a fisarmonica, il mal di testa e gli sbalzi d’umore sono alcuni degli effetti collaterali che ogni donna sperimenta prima e dopo il ciclo mestruale e si possono lenire anche grazie a una alimentazione corretta, sana consumando degli alimenti che siano sani.

In base al parere degli esperti del settore, vi è un rapporto molto stretto tra l’alimentazione e la salute in cui gli ormoni, il periodo mestruale è protagonista e gioca un ruolo importante. L’alimentazione della donna varia in base alle fasi ormonali del ciclo che sono: fase mestruale, estrogenica, ovulatoria e progestinica. Per dimagrire e quindi perdere peso, non è sufficiente solo fare la conta delle calorie, ma anche cercare di capire quali sono gli alimenti e i nutrienti più adatti in base al proprio ciclo ormonale che interessa tutte le donne dal periodo della pubertà sino alla menopausa.

Per chi vuole saperne qualcosa in più riguardo questa dieta e i benefici, consigliamo il libro Cyclicity Diet di Ennio Avolio e Claudio Pecorella.

Programma della dieta del ciclo

Questo regime alimentare comincia il primo giorno del ciclo ovarico, quando si sente meno fame e quindi perdere peso è più facile. I carboidrati e i grassi possono essere assunti una settimana prima dell’arrivo delle mestruazioni. Durante questa fase, il cioccolato non è bandito, ma si può mangiarne un quadratino alla sera dopo cena ed evitare di abbuffarsi riguardo ad altri cibi maggiormente calorici.

Ecco quali alimenti assumere durante le varie fasi di questa dieta:

Fase mestruale: solitamente dura dai 3 a i 7 giorni. Durante questo periodo, si allontanano le scorie, le funzioni dell’utero sono migliori. Si consiglia di consumare alimenti che purifichino e depurino, come verdura cruda, tisane e tantissima acqua, frutta e frullati. Bisogna aumentare il consumo di ferro, quindi nutrirsi di carne rossa, almeno una volta alla settimana, vitamina C in alimenti quali fragole, kiwi, folati ovvero verdura di colore verde scuro.

Fase estrogenico: va dal 5 al 14esimo giorno. In questo periodo il follicolo comincia a crescere e si entra in un momento di bellezza e di nuove energie. Si tratta di un periodo in cui gli acidi grassi si ossidano, si mangiano più carboidrati e si consumano alimenti integrali. Si assumono carne, pesce e uova per un maggiore apporto di proteine utili anche a donare la giusta carica necessaria. Dal momento che gli estrogeni sono legati all’insulina, non vanno assunti alimenti che creino ansia, ritenzione idrica, ecc. Meglio puntare su alimenti quali olio evo, legumi e frutta secca che forniscono un buon equilibrio per quanto riguarda l’insulina e gli estrogeni.

Fase ovulatoria: a partire dal 14esimo giorno. L’ovulo si stacca e comincia il processo di fecondazione. Per aumentare i livelli di fertilità, gli esperti del settore consigliano di assumere uova di gallina che stimolano le capacità ovulatorie e hanno moltissima vitamina B. Altri alimenti da assumere, ma sempre in dosi consigliate e con moderazione, sono i cibi afrodisiaci, quindi ostriche, molluschi, crostacei e semi di zucca. Per quanto riguarda il consumo di carboidrati, è molto meglio consumarli a pranzo in un primo piatto, quindi mangiare della pasta ed evitarli nella seconda parte della giornata.

Fase progestinica: dal 14esimo al 28esimo giorno. Si sente di più la stanchezza e il gonfiore e quindi è meglio nutrirsi di cibi drenanti. In questo caso, meglio consumare verdura cruda, come radicchio, cetrioli e carciofi, e amarognola, come la barbabietola, tarassaco, ecc. Aumentare il consumo di semi di girasoli, zucca, mandorle, anacardi e pesce perché ricchi di Omega 3 e magnesio. Meglio evitare alimenti che peggiorano il gonfiore e la ritenzione idrica. Inoltre, evitare anche farinacei, affettati, tè e insaccati perché non aiutano nel processo di diuresi.

Per chi non sa rinunciare al dolce, si consiglia di sciogliere in bocca un cubetto di cioccolato extrafondente. Inoltre, l’acqua è fondamentale per la ritenzione idrica e l’idratazione.

Esercizi per la dieta del ciclo

Oltre a seguire un regime ipocalorico e consumare alimenti sani, è importante anche assumere un integratore e fare dell‘attività fisica. Ecco alcuni esercizi che è bene praticare per ottenere i risultati migliori.

Sempre secondo il parere dell’esperta, in base alle varie fasi, ci sono degli sport, attività che è bene seguire:

Durante la fase premestruale meglio seguire attività come lo yoga e il pilates che aiutano a rilassarsi, distendere i nervi. Sono pratiche sportive ottime per aiutare la respirazione, favorire l’allungamento dei muscoli che la maggior parte delle volte sono tesi e contratti proprio a causa dei dolori muscolari.

Fase estrogenica: ricca di energie e vitalità, si punta a esercizi come l’attività aerobica, oppure altri che aiutano a tonificare come lo step o una allenamento specifico per questo periodo.

Fase pre-ciclo: si consiglia una camminata a passo graduale di circa 45 minuti e una corsa leggera per riossigenare i tessuti.

Meglio puntare su sport leggeri come il pilates e il nuoto che aiutano a liberare le endorfine. al contrario, è meglio evitare esercizi che affaticano la zona addominale o lombare, che caricano la schiena e i muscoli lombari, che necessitano di sforzo fisico e tanta forza.

Per dimagrire e contrastare la cellulite, si consiglia la lettura di questo articolo.

Scegli tu!
Scegli tu!

ALTRO DA Style 24

image beaconimage beaconimage beacon