Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Guida per ragazze toste. 10 regole (scritte) sulla leadership al femminile per invertire la rotta

Logo Elle Elle 6 giorni fa Di Federica Furino
Lezioni di leadership di Sabina Belli, Ceo di Pomellato, che ci dà 10 regole per invertire la rotta e farcela davvero sul lavoro © Getty Images Lezioni di leadership di Sabina Belli, Ceo di Pomellato, che ci dà 10 regole per invertire la rotta e farcela davvero sul lavoro

«Scusi il ritardo, ho avuto un piccolo contrattempo». Comincia così, Sabina Belli: scusandosi per una telefonata iniziata sei minuti (sei!) oltre il previsto. Sembra un dettaglio e invece dice qualcosa della donna dall’altro capo della cornetta. Una che fa parte di quella piccolissima élite (il 5 per cento in Europa) di ragazze arrivate ai vertici di una grande azienda (è ceo di Pomellato dal 2015 dopo una vita ai vertici di grandi aziende del lusso, tra cui Bulgari e Christian Dior Perfumes). Eppure, della distanza che separa l’élite dal resto del mondo non c’è traccia. Perché, scoprirò poi leggendo il suo libro (D come donna, C come ceo, Roi Edizioni - acquista ora su Amazon), Sabina fa dell’empatia e del fattore umano i punti di partenza della sua storia. Parte del suo successo professionale, dice, lo deve a questo. E a 10 altri “segreti” che ha scelto di condividere con noi.

La lotta per la parità di genere di Lilli Gruber (Rai Tv)

Riproduci nuovamente video

GUIDA (DI LEADERSHIP) PER RAGAZZE TOSTE

1. Prevedere e anticipare

Saper prevedere il futuro, cogliendo piccoli segnali che definiscono vie nuove, è indispensabile per avere successo. Io ho imparato a farlo lavorando per i grandi marchi del lusso che, per definizione, lanciano le nuove tendenze. Ma è un’attitudine utilissima in qualsiasi campo perché permette di avere soluzioni già pronte nei momenti di cambiamento o a elaborare piani B visionari, quelli che ti fanno fare passi avanti. Anticipare è importante anche nel privato: non puoi perdere una riunione se la tata ha l’influenza. Anche lì devi avere soluzioni per gestire gli imprevisti.

2. Usare le buone maniere

Non sono convenzioni sociali, ma un modo di esprimere rispetto per se stessi e per gli altri. Io le riassumo con una parola: gentilezza. Aiuta in tutto, anche nel lavoro, perché allenta le tensioni e risolve molte situazioni conflittuali. Le buone maniere, poi, sono un passaporto: non rispondere velocemente alle email, guardare il cellulare durante un meeting, scrivere messaggi sgrammaticati è qualcosa che indispone.

3. Pensare in grande

L’ho imparato all’inizio della mia carriera. Lavoravo per un marchio prestigioso e siccome l’affitto di una boutique strategica era aumentato moltissimo, cercavamo soluzioni per assorbire la spesa. Avevamo fatto tabelle, calcoli e compitini da sottoporre all’azionista. Ricordo che lui ci guardò e disse: “Why dont’t you buy the building?”, perché non comprate il palazzo? Era vero: se pensi in piccolo, non voli. Se invece alzi l’asticella e impari a prenderti i giusti rischi, nulla è impossibile. Vietato usare la crisi come scusa per la mancanza di coraggio: se non ci hai provato, è perché non ci hai creduto abbastanza.

4. Prendersi cura di sé

Il corpo è un capitale che ci portiamo dietro e che va tutelato. Mangiare bene, dormire, fare movimento, concedersi una manicure o un massaggio, se hai una vita professionale che richiede molta energia, è indispensabile. Il corpo è un passaporto universale, e non solo per chi come me lavora nel lusso e deve essere all’altezza dei prodotti che vende: l’immagine che trasmetti è importante qualsiasi cosa tu faccia e arrivare stanchi o trasandati al lavoro è una pessima abitudine. Prendetevi cura di voi stesse: sarà utile. E anche piacevole.

5. Contare su chi ti vuole bene

Da sola non puoi farcela, hai bisogno dell’appoggio di persone che ti vogliono bene. Questo per me è la famiglia: il luogo in cui puoi tirar fuori l’emotività e ricevere amore e supporto psicologico senza essere giudicato. Questo rende liberi. Io non mi sono mai colpevolizzata per essermi persa certi aspetti della vita quotidiana delle mie figlie: l’avevo anticipatamente messo in conto e metabolizzato, puntando sull’organizzazione. Se ti colpevolizzi, non hai la libertà di investire sul tuo percorso.

6. Investire il giusto

Nella vita c’è sempre una dimensione di costo e una di guadagno, di dovere e piacere, e bisogna trovare un equilibrio tra le due. Investire più di quanto si ricavi, in certi momenti della vita, è inevitabile e giusto. Ma non può essere una regola. Bisogna comprendere il vero guadagno e il vero costo delle cose per valutare se gli sforzi sono accettabili.

7. Fare network

La rete di rapporti costruiti nel tempo è uno dei segreti del successo. Il network è un sistema rapido per risolvere problemi, perché si sopperisce alle mancanze individuali attraverso una rete solidale di comunicazioni. Iniziate a costruire la vostra rete il prima possibile, già da giovani, mantenendo i contatti con le persone che incontrate: è un esercizio tecnico che richiede impegno e costanza, l’abitudine sistematica di coltivare amicizie e mantenere rapporti regolari. E una volta che avete la vostra rete, non siate timidi: chiedete. È un rapporto win-win: oggi io aiuto te, domani tu aiuterai me.

8. Essere se stesse anche nel look

Prima regola: non andate mai contro a ciò che siete. Se ti costruisci un’immagine troppo diversa dalla donna che sei, quell’immagine diventa una prigione. Trovare il proprio look, infatti, è una parte della ricerca di se stessi. Quando ero giovane mia madre mi ha detto: guarda le attrici che ti piacciono e copiale. Io amavo Katharine Hepburn e Ingrid Bergman che indossavano abiti maschili, cinture, camicie bianche. Era quello lo stile che faceva risaltare la mia personalità. Se avete un’occasione importante, come un colloquio o un incontro pubblico, non indossate gli abiti più belli o eleganti che avete, ma quelli che vi fanno sentire a vostro agio. Solo così farete colpo.

9. Saper dire no

No è una delle parole più difficili da dire, perché comunica rifiuto, opposizione. Insegnare ai figli a dire no, invece, è uno dei regali più grandi che puoi fare loro. Quindi imparate a dirlo, e ripetetelo ogni volta che l’alternativa non è in linea con il rispetto di voi stesse. Non solo perché è giusto, ma perché le conseguenze a lungo termine non sono tollerabili. Ci vuole coraggio, ma se ci riuscirete, sarete libere. E ricordate: la parola no non è una debolezza, ma una dimostrazione di forza. Soprattutto per le donne.

10. Non esitare a chiedere

Imparate a chiedere: non pensate che parlare di soldi sia poco elegante. L’investimento personale che fate deve avere un ritorno, il vostro merito, un compenso. Se non chiedete perché pensate di non valere abbastanza, non otterrete mai quello che sperate. Così come se pensate di essere sempre in credito, non arriverete da nessuna parte. Imparate a valutarvi obiettivamente, e a chiedere il giusto. I soldi non devono dare né timore, né soggezione. Sono qualcosa di utile. E spesso, va detto, rendono liberi.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Elle

image beaconimage beaconimage beacon