Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Impiantato per la prima volta un bronco in 3D su un bambino

Logo OK Salute OK Salute 5 giorni fa
© non disponibile

All'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma è stato impiantato, per la prima volta in Europa, un bronco stampato in 3D su un bambino di 5 anni affetto da broncomalacia, una patologia caratterizzata dal cedimento della parete bronchiale.

Cos'è la broncomalacia

Per broncomalacia, che è una patologia rara, si intende la perdita di sostegno da parte degli anelli di cartilagine che compongono le vie aeree. Questo cedimento contribuisce a limitare il normale flusso gassoso e può condurre all'insufficienza respiratoria. La cartilagine indebolita, inoltre, tende a intrappolare le secrezioni respiratorie (come il catarro) favorendo la comparsa e il susseguirsi di infezioni polmonari.

Perché viene e come si cura

Questa lesione può avere un'origine genetica, può associarsi a forme di prematurità, può insorgere in seguito a traumi o infiammazioni croniche o essere causata dalla compressione di vasi sanguigni anomali. Talvolta è sufficiente rimuovere la causa del problema ma nella maggior parte dei casi è necessario ricorrere a un impianto 3D.

Bronco in 3D: di cosa si tratta?

Dopo 6 mesi di studi, gli specialisti del Bambino Gesù hanno disegnato il dispositivo partendo dalle immagini dell'anatomia del piccolo, ottenute con la Tac e poi rielaborate con tecniche di bioingegneria. Una volta definito il progetto, il bronco è stato stampato con un materiale bio-riassorbibile (policaprolattone e idrossiapatite) che si aggancia al bronco "vero", restituendogli la sua funzionalità. Nell'arco di 2 anni, poi, viene man mano eliminato dall’organismo.

L'intervento chirurgico

I chirurghi dell'Unità di Funzione di Cardiochirurgia Complessa con Tecniche Innovative e del Laryngo-Tracheal Team, guidati dai dottori Andrea Carotti e Sergio Bottero, hanno eseguito il delicato intervento, che è durato 8 ore. Il bronco del bambino, a causa della broncomalacia, era compresso tra l’arteria polmonare sinistra e l’aorta toracica discendente, generando il restringimento del condotto respiratorio. A causa di questo problema, il bambino, soprattutto nelle ore notturne, aveva bisogno di ventilazione artificiale per respirare. Gli specialisti, dunque, hanno spostato le arterie polmonari responsabili dello schiacciamento bronchiale e hanno proceduto con l’impianto. Il dispositivo è stato posizionato all’esterno del bronco malato, ancorandone il tessuto al modello 3D con delle suture. Dopo un mese dall'operazione, il piccolo ha fatto rientro a casa e ora respira normalmente.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da OK Salute

image beaconimage beaconimage beacon