Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

La modella transgender Munroe Bergdorf è tra i nomi del Time che cambieranno il mondo tra attivismo e black power

Logo Cosmopolitan Cosmopolitan 16/10/2020 Di Giovanna Gallo
Nella classifica annuale del Time questa modella che si batte contro razzismo, discriminazioni di genere e sessuali è tra le persone che cambieranno il mondo. © Gareth Cattermole Nella classifica annuale del Time questa modella che si batte contro razzismo, discriminazioni di genere e sessuali è tra le persone che cambieranno il mondo.

Munroe Bergdorf, modella e attivista black e transgender, è un nome che sentirai spesso, garantito. Il suo impegno politico e sociale e le battaglie che sta portando avanti da anni contro razzismo e transfobia secondo il Time la fanno entrare di diritto nella lista dei Next Generation Leaders del 2020. Chi è questa ragazza con una carriera incredibile nel mondo della moda e la voglia di cambiare il mondo?

Chi è Munroe Bergdorf, l'attivista e modella transgender che si batte per il black power

Munroe Bergdorf, è nata nel 1987 nell'Essex, vicino Londra. La sua adolescenza è trascorsa tra atti di bullismo e impossibilità di esprimere ciò che sentiva di essere, come ha raccontato al Time. Ma questo non le ha impedito di iniziare una carriera nelle pubbliche relazioni e di guadagnarsi l'attenzione dei fotografi londinesi nel 2011, quando ha cominciato a fare la modella. La sua prima campagna importante per Uniqlo ha messo al centro una modella trans, per di più di colore, una vera rivoluzione.

Il nome di Munroe Bergdorf è spuntato fuori con prepotenza ai tempi della sua diatriba con l'Oreal, di cui nel 2017 è diventata testimonial: un suo post Instagram sul privilegio bianco e sul razzismo nei confronti delle persone di colore le è costato il posto di lavoro. Oggi Munroe è una donna che non accetta passivamente le ingiustizie e si impegna a portare in alto la bandiera LGBTQ+, spingendo sui diritti delle persone trans e sostenendo a gran forza gli attivisti del Black Lives Matter.

I suoi canali social - su Instagram ha circa 500 mila followers- sono la cassa di risonanza a fatti e parole di Munroe che non possono passare inosservati. Munroe Bergdorf su Instagram parla di uguaglianza e possibilità, allo stesso modo, perché vanno di pari passo. Non ha paura di denunciare casi di razzismo e transfobia soprattutto nel suo settore, quello beauty e fashion, che spesso si adegua a canoni di bellezza più tradizionali e non mette al centro l'inclusività.

Le battaglie di Munroe

"Black women can't be your shield and your target."

A post shared by MUNROE (she/they) (@munroebergdorf) on Sep 29, 2020 at 3:51am PDT

Munroe nel 2017 è diventata testimonial di una campagna della L'Oreal dedicata all'inclusività. In quegli stessi giorni, sul suo profilo FB, è comparso un post molto amareggiato e forte contro il razzismo nei confronti delle persone di colore della comunità bianca.

Onestamente non ho le energie per parlare della violenza razziale delle persone bianche. Sì, tutti i bianchi. Perché molti di loro non realizzano o rifiutano che tu esisti e che i privilegi e il successo della razza è costruita sulle spalle delle persone di colore. Sarò qui quando capirete che il razzismo non si impara, il razzismo si eredita e coscientemente o no si tramanda tramite questi privilegi.

L'azienda si è distanziata da questo post. E dopo una settimana l'ha licenziata. Di quell'allontanamento, delle critiche e delle minacce online che Munroe Bergdorf ha ricevuto in quel periodo ha fatto una bandiera della sua carriera, che si muove tra dj set, shooting fotografici e dibattiti aperti sulle questioni legate al genere, alla libertà di essere chi si vuole e al black power. Recentemente ha ricevuto le scuse dell'azienda per quell'episodio e lei le ha accettate, dicendo che "le piace sempre quando qualcuno cambia idea".

Munroe Bergdorf per i diritti delle persone trans

Uno studio del National Center for Transgender Equality reports ha rivelato che nel 2020 sono state uccise più persone trans che nel 2019. E che i numeri sono destinati a crescere, soprattutto in termini di vittime di colore o latine. La maggioranza di loro è donna: per queste persone Munroe Bergdorf continua a parlare in pubblico, a usare i suoi social media, a esporsi pubblicamente.

Voglio continuare a combattere per un mondo in cui i valori delle persone trans di colore siano uguali a quelli degli altri, non qualcosa di controverso.
Munroe Bergdorf a un evento nel 2020. © David M. Benett - Getty Images Munroe Bergdorf a un evento nel 2020.

Oggi Munroe Bergdorf è un modello per tantissimi ragazzi che subiscono transfobia oppure hanno paura di raccontare al mondo come si sentono o chi sono davvero.

Quando ricevo messaggi da queste persone e dicono che li ho aiutati a fare coming out e ad accettarsi, o quando sento che ho aiutato qualcuno ad aprirsi, a cambiare punto di vista, penso che allora vale davvero la pena di lottare ed esporsi.

Il Time l'ha premiata col posto in classifica insieme ad altri Next Generation Leaders del 2020 che stanno cambiando dalle fondamenta un sistema, una forma mentale, un modo di vedere le cose. Munroe Bergdorf è decisamente tra questi.

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli articoli di Cosmopolitan direttamente nella tua mail.

ISCRIVITI QUI

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Cosmopolitan

image beaconimage beaconimage beacon