Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Allarme "maskne", il nuovo problema della pelle è l'acne da mascherina

Chiariamolo subito: delle mascherine non possiamo fare a meno, neppure in questa fase di ripartenza. Indossarle ci permette di proteggere noi stessi e gli altri. Ma è vero che, in alcuni casi, la pelle del viso può risentire dell'uso prolungato della mascherina, manifestando rossore, prurito, irritazione e comparsa di piccoli brufoli. Al punto che sul web già si parla di "maskne" (da mask + acne), ossia di acne da mascherina. La limitata ossigenazione e traspirazione della pelle può causare, soprattutto sugli incarnati misti o grassi, l'ostruzione dei pori, l'aumento di sebo e quindi la comparsa di punti neri e brufoletti su contorno labbra, mento e naso: le zone coperte dalla mascherina ma anche le più acneiche. Ma prevenire o curare la "maskne" è possibile, basta seguire degli accorgimenti dalla detersione del viso (prima e dopo aver indossato la mascherina) alla corretta alimentazione (di Marisa Labanca)

SUCCESSIVO

SUCCESSIVO

Altro da D La Repubblica

Altro da D La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon