Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Dalla cotonatura anni '60 stile Brigitte Bardot ai pop idol dei Duemila, 50 anni di acconciature

Quando nel 1963 i fratelli Toni e Guy Mascolo aprivano il primo salone a Clapham, a sud di Londra, la moda e la bellezza erano nel pieno di una rivoluzione. Sulla scia dei moti giovanili, del rinnovato clima politico e dell'affermazione sociale delle donne, anche le acconciature prendevano una nuova direzione, ispirandosi alla cotonatura con le punte in fuori di Jacqueline Kennedy, ai beehives di Brigitte Bardot e al pixie cut di Twiggy Lawson. Una sete di novità che contraddistinse da subito anche TONI & GUY, tra i primi saloni dell'epoca a offrire un servizio unisex.Sono passati 57 anni e oggi il brand di hairstyling, con origini italiane, è presente in 48 paesi, con più di 475 saloni e 23 accademie. Una storia di imprenditoria familiare e di successi riassunta in un video che in tre minuti ripercorre i tagli iconici che hanno ispirato intere generazioni. Dai capelli lunghi e ondulati stile "Gypsy" degli anni '70 al look volumizzato power-do degli anni '80, riflesso della crescente affermazione sociale e culturale delle donne. Dalla cultura urbana giovanile con quello stile androgino tutto gel e cera degli anni '90 al nuovo millennio che segna per TONI & GUY l'inizio di una partnership importantissima con Label.m e la sponsorizzazione ufficiale della London Fashion Week.(di Marisa Labanca)

SUCCESSIVO

SUCCESSIVO

Altro da D La Repubblica

Altro da D La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon