Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Sciopero dei mezzi e maltempo, Roma a rischio caos nel giorno del Black Friday

Logo Leggo Leggo 25/11/2016 Lorena Loiacono

Una giornata da incubo. Quello di oggi potrebbe essere davvero un venerdì da incubo per i romani: scioperi per trasporti e dipendenti Ama e un'allerta meteo da bollino rosso potrebbero mettere in ginocchio la Capitale, proprio nel giorno del Black Friday che invita allo shopping.

Quello che preoccupa di più è il trasporto pubblico, di nuovo a rischio per lo sciopero di 24 ore indetto dal sindacato Cambia-Menti M410. L'agitazione interesserà la rete Atac, quindi bus, tram, metropolitane, ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Il servizio sarà comunque regolare nelle due fasce di garanzia: fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. L'ultima giornata nera per la mobilità capitolina risale solo alla settimana scorsa. Martedì 15 novembre avevano scioperato ben cinque sigle sindacali (Usb, Orsa Tpl, Faisa Confail, Sul Ct, Utl) creando disagi in tutta la città con la chiusura delle tre metropolitane, di alcune ferrovie urbane e il servizio ridotto su bus e tram. A risentirne fortemente era stato il traffico cittadino, con code e ingorghi da nord a sud. E oggi c'è chi teme il ripetersi delle stesse scene, benché a proclamare la mobilitazione questa volta sia stato un solo sindacato.

«I lavoratori di Atac rifiutano un accordo che fa ricadere sugli stessi un risanamento dell'azienda che tarda ad arrivare e che era stato sottoscritto, senza consultare nessuno preventivamente, proprio per questo. I risultati sono sotto gli occhi di tutti», le motivazioni di Cambia-Menti. Stamattina la stessa sigla ha proclamato anche una protesta di quattro ore, dalle 8,30 alle 12,30, che interesserà le linee di bus periferiche gestite dalla società Roma. 

© Redazione

E, come se non bastasse, i fari non sono puntati solo sul tpl: oggi qualche disguido ci potrebbe essere anche sul fronte della raccolta rifiuti. L'Usi (Unione Sindacale Italiana) ha proclamato uno sciopero generale a carattere nazionale di tutte le categorie pubbliche e private per l'intera giornata che potrebbe interessare pure l'Ama. L'azienda tuttavia è rassicurante: «In base a precedenti casi del genere, si prevede un'incidenza limitata sull'erogazione complessiva dei servizi aziendali. In attuazione di quanto prescritto dalla normativa di legge, sono state comunque attivate le procedure tese ad assicurare durante lo sciopero servizi minimi essenziali e prestazioni indispensabili».

A complicare la già precarissima situazione c'è il meteo: sulla Capitale sono attese precipitazioni a carattere temporalesco con forti piogge e raffiche di vento. La protezione civile ha diramato l'allerta.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Leggo

image beaconimage beaconimage beacon