Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Casa comodato d’uso ai figli, l’immobile deve essere restituito ai genitori anziani e “fragili”

Logo idealista idealista 09/07/2018 Redazione
© Gtres

In tema di casa concessa in comodato d’uso ai figli si è espressa la Cassazione con la sentenza n. 17332. I supremi giudici hanno chiarito che l’abitazione data in comodato al giovane figlio quando mette su famiglia deve essere restituita agli anziani genitori con problemi di salute e oramai nonni di nipoti maggiorenni.

Il caso specifico riguarda una coppia di genitori che anni fa aveva dato al figlio la propria casa come residenza familiare. Con il tempo le condizioni di salute dei due sono peggiorate, costringendoli ad affrontare spese mediche.

Per tornare in possesso dell’immobile, i genitori hanno intrapreso le vie legali, ma né il Tribunale né la Corte d’Appello hanno accolto la richiesta dell’anziana coppia. In entrambi i gradi di giudizio i ricorrenti sono stati condannati anche a pagare le spese, per non aver dimostrato l’urgente stato di bisogno che avrebbe giustificato - in assenza della prova del carattere precario del comodato - la restituzione dell’appartamento. Per i giudici di merito, infatti, le patologie legate all’età non erano un evento urgente e imprevedibile e non richiedevano neppure un esborso di denaro particolarmente elevato.

Ma la Cassazione si è espressa diversamente e, superando il concetto del bisogno grave e imprevisto, come sola ipotesi di risoluzione del comodato, ha invitato a valutare tanto le esigenze dei figli quanto quelle dei genitori.

Quel che ne è scaturito è che i beneficiari del comodato avevano ormai dei figli grandi, uno dei quali maggiorenne, mentre i loro genitori erano invecchiati con problemi di salute e maggiori spese da affrontare.

Secondo la Suprema corte il fatto che i beneficiari del comodato abbiano ormai dei figli grandi rappresenta un elemento decisivo. Poi c’è l’obbligo dei figli di assistere i genitori anziani, come previsto dal Codice civile. E’ la stessa legge, dunque, a escludere che sia possibile caricare sulle spalle di genitori ormai “fragili” un dovere permanente di mantenere le giovani generazioni.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da idealista

image beaconimage beaconimage beacon