Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Difetti costruzione immobili, la responsabilità del venditore-costruttore

Logo idealista idealista 10/10/2018 Redazione
© Gtres

Con l’ordinanza n. 23132/2018, la seconda sezione civile della Corte di cassazione ha sottolineato che il venditore può essere chiamato a rispondere dei gravi difetti dell’opera, non solo quando i lavori sono eseguiti in economia, ma anche nell’ipotesi in cui la realizzazione dell’opera è affidata a un terzo.

Nel dettaglio, la Cassazione ha affermato che “la denuncia di gravi difetti di costruzione, oltre che dal committente e suoi aventi causa, può essere fatta valere anche dagli acquirenti dell’immobile, in base al principio che le disposizioni di cui all’art. 1669 cod. civ. mirano a disciplinare le conseguenze dannose di quei difetti che incidono profondamente sugli elementi essenziali dell’opera e che influiscono sulla durata e solidità della stessa, compromettendone la conservazione e configurano, quindi, una responsabilità extracontrattuale, sancita per ragioni e finalità di interesse generale”.

Il venditore può essere chiamato a rispondere dei gravi difetti dell’opera, non soltanto quando i lavori sono eseguiti in economia, ma anche nell’ipotesi in cui la realizzazione dell’opera è affidata a un terzo, al quale non sia stata lasciata completa autonomia tecnica e decisionale, in quanto il venditore abbia mantenuto il potere di impartire direttive o di sorveglianza sullo svolgimento dell'altrui attività, sicché, anche in tali casi, la costruzione dell’opera è a lui riferibile.

Proprio questa attività di interferenza o di controllo, così come quella di progettazione, documentano, in generale, il coinvolgimento del venditore committente e la sua corresponsabilità, salvo che, in ipotesi limite, sia dimostrata la incolpevole estraneità.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da idealista

image beaconimage beaconimage beacon