Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Visco (Bankitalia) a Berlino: «Sui bond serve offrire alle banche un'alternativa»

Logo Lettera 43 Lettera 43 2 giorni fa Redazione
Il governatore di Banca d'Italia Ignazio Visco. © Fornito da Lettera 43 Il governatore di Banca d'Italia Ignazio Visco.

Il governatore Ignazio Visco in un'intervista all'Handelsblatt, quotidiano economico conservatore tedesco, di fatto la voce di quella classe dirigente che si è quasi sempre opposta alla linea di Mario Draghi all'interno della Bce e a quella italiana, in Europa, ha toccato tutti i temi caldi: il governo dell'Eurotower e anche la proposta tedesca di ponderare i titoli di Stato, definita dall'ex ministro Pier Carlo Padoan, il vero problema, altro che Mes.

IL RISCHIO DI DEFLAZIONE GIUSTIFICA LE SCELTE BCE

Sulle politiche espansive della Bce e in particolare sulla loro recente estensione, con le decisioni prese a settembre dalla Bce, ha detto: «C'è un dissenso sul fatto se queste mosse fossero necessarie. Io penso che lo fossero. E così anche il consiglio della Bce. Il ciclo economico non è favorevole. Il rischio di una deflazione, e dunque di prezzi in calo, sussiste». Ma ha anche aggiunto che «i tassi negativi, nel lungo periodo, possono provocare danni collaterali».

IL GOVERNATORE CHIEDE UN TITOLO SICURO SULL'EUROZONA

Poi ha discusso anche dei titoli di Stato. «In Italia le banche hanno funzionato da fattore stabilizzante durante le tensioni sui mercati finanziari. Io temo che questo vada perso se si dotano i bond di un fattore di ponderazione del rischio, senza che le banche abbiano un'alternativa», ha spiegato il governatore della Banca d'Italia. Anche la proposta di mettere un tetto all'acquisto dei titoli di uno stato, aggiunge,«limiterebbe la funzione di stabilizzatore del sistema finanziario». Si potrebbe valutare se ci fosse un'alternativa. In Italia le banche hanno funzionato da fattore stabilizzante durante le tensioni sui mercati finanziari. Io temo che questo vada perso se si dotano i bond di un fattore di ponderazione del rischio, senza che le banche abbiano un'alternativa». «Quello di cui c'è bisogno è un titolo sicuro, emesso da un'organizzazione unica, che acquisisca automaticamente le entrate fiscali dagli Stati dell'euro», aggiunge Visco. «Questo potrebbe essere la base della costruzione di una capacità fiscale comune nell'eurozona», conclude.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Lettera 43

image beaconimage beaconimage beacon