Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Tasse locali, salasso di 47 miliardi. Roma in vetta alla classifica

Logo Quotidiano.Net Quotidiano.Net 22/01/2018 CLAUDIA MARIN

Roma, 23 gennaio 2018 - Leader e partiti promettono a man bassa di tagliare imposte e balzelli, ma Regioni e Comuni (con il Lazio e con la Capitale in vetta alla classifica) spremono e tassano a più non posso: con un bottino incassato di circa 47 miliardi di euro da gennaio a novembre 2017. Ma, quando si tratta di pagare, lo fanno, invece, tardi e male. E così famiglie e imprese devono fare sempre di più i conti con enti locali che, da un lato, aumentano aliquote e percentuali e, dall’altro, lesinano sui pagamenti da loro dovuti. È la doppia faccia o la doppia beffa della gestione fiscale e contabile delle autonomie territoriali italiane, come emerge da una ricerca condotta dall’Istituto per la Competitività (I-Com) che sarà presentata domani a Roma e che qui anticipiamo.

IL RECORD. Dallo studio – curato dal presidente di I-Com Stefano da Empoli e dal direttore dell’Area istituzioni Gianluca Sgueo – viene fuori come la pressione fiscale sia arrivata a toccare in molte zone del Paese livelli mai raggiunti prima. È il caso, in primo luogo, proprio di Roma, dove i cittadini pagano le imposte più elevate d’Italia per via dell’effetto combinato delle addizionali regionali e di quelle comunali all’Irpef. In pratica sia la Regione Lazio sia il Campidoglio hanno fissato aliquote ben più alte della media nazionale per i rispettivi ambiti di competenza. Con la conseguenza di imporre agli abitanti della Capitale un vero e proprio salasso. L’addizionale regionale Irpef raggiunge un livello massimo del 3,33%, il più pesante del Paese insieme con il Piemonte, mentre quella del Comune di Roma arriva fino allo 0,9% (e in questo caso è record in solitaria).

LA CLASSIFICA. La città eterna conquista così il primato nazionale negativo con un’aliquota totale pari al 4,23%. A seguire Torino con il 4,13% (l’addizionale regionale ammonta al 3,33% e quella comunale allo 0,8%) e, un gradino più in basso, Genova, Bologna, Campobasso e Potenza con il 3,13%. Aosta e Firenze fanno invece registrare i risultati migliori rispettivamente con l’1,53 e l’1,93%.

L’IRAP. Classifica abbastanza simile anche per l’imposta regionale sulle attività produttive che grava sulle imprese. Il valore fissato dallo Stato è del 3,9%, ma molte regioni hanno optato per un ulteriore inasprimento del balzello. In questo caso la maglia nera va alla Campania con il 4,97%, seguita da Abruzzo, Calabria, Lazio, Molise, Puglia e Sicilia con il 4,82. Le regioni con l’Irap più bassa sono il Trentino Alto Adige e la Sardegna.

I DEBITI. Ma se a tassare non si fanno problemi, quando si tratta di pagare, l’atteggiamento degli enti (Comuni, Regioni, Asl e via dicendo) è opposto. È previsto, di regola, che la pubblica amministrazione saldi i suoi debiti nell’arco di 30 giorni dalla fattura oppure, in alcuni casi specifici, entro 60. Ma a non rispettare le scadenze indicate, sono quasi i due terzi degli enti pubblici italiani, il 63% del totale. Di questi, oltre l’80% è costituito dai Comuni che si confermano statisticamente i peggiori pagatori della nostra Pa.

© SE Poligrafici(wc)|Paris

CATTIVI PAGATORI. In testa alla classifica sono Napoli, Campobasso e Potenza che saldano i fornitori rispettivamente con 157, 163 e 180 giorni di ritardo, con qualche miglioramento recente per il capoluogo lucano e notevoli peggioramenti per le altre due città. Roma è stabile nei suoi ritardi: ci mette in media 57 giorni più del dovuto. Sforano i tempi previsti, seppur di meno giorni, anche Palermo, Torino, Venezia e Milano. La classifica dei Comuni virtuosi comprende, invece, Bologna, Genova, Torino, Trieste e Firenze ed è guidata da Trento che paga i suoi debiti addirittura con un anticipo medio di 17 giorni.

IL GIRO D’ITALIA. Quanto alle regioni, infine, a metterci più tempo di tutte sono il Molise – che arriva addirittura a saldare i suoi fornitori con 279 giorni di ritardo – e la Basilicata. Non rispettano i tempi previsti, anche se in misura inferiore, anche Veneto, Abruzzo, Piemonte, Sicilia e Calabria.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Quotidiano.net

image beaconimage beaconimage beacon