Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Arriva la quattordicesima per 3,6 milioni di pensionati. Spesa raddoppia a 1,7 miliardi

Logo La Repubblica La Repubblica 15/06/2017 a cura di RAFFAELE RICCIARDI
© Fornito da La Repubblica

MILANO - Luglio porta con sé la nuova quattordicesima per i pensionati italiani, in versione "allargata" dopo le novità introdotte dalla legge di Bilancio per il 2017: l'assegno supplementare va ai pensionati con almeno 64 anni e con un reddito complessivo individuale fino a un massimo di 2 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti. Con l'ultima Stabilità è un aumentato l’importo di quattordicesima per i beneficiari con una pensione fino a 1,5 volte il trattamento minimo (ovvero 9.786,86 euro annui per il 2017)  e si è esteso il beneficio ai pensionati con assegni compresi fra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo (ovvero fino a 13.049,14 euro).

Video: Ape sociale, arrivato (finalmente) il decreto. Assegno massimo da 1.500 euro

Ecco, nella tabella fornita dall'Inps, come sono cambiate le cose: il numero di beneficiari è aumentato di 1,4 milioni, sfiorando quota 3,6 milioni. Per le casse pubbliche la spesa complessiva raddoppia da 854 a 1,726 miliardI: circa 600 milioni, di questi, vanno a coloro che stanno tra 1,5 e 2 volte il minimo.

La quattordicesima dei pensionati, raffronto 2017-2016

   

   

   

   

   

   

   

   

Anno GestioneBeneficiariDi cui reddito entro 1,5TMDi cui reddito tra 1,5 e 2 TMSpesa complessiva

Spesa

(entro 1,5TM)

Spesa

(1,5-2TM)

2017Privata3.439.2852.089.2871.349.9981.670.397.5651.105.963.257564.434.308
Pubblica125.242    23.849101.39352.592.86712.537.43440.055.434
Sport e spettacolo6.1124.883 1.2293.019.0022.544.939474.063
TOTALE3.570.6392.089.2871.452.6201.726.009.4341.121.045.629604.963.805
2016Privata2.127.152849.441.469
Pubblica8.4613.155.076
Sport e spettacolo5.5652.165.658
TOTALE2.141.178854.762.203

Ma cosa significa in concreto per le tasche degli italiani? Un ex lavoratore dipendente fino a 15 anni di contribuzione (o un autonomo fino a 18 anni di versamenti) e un assegno da una volta e mezzo il minimo incasserà 437 euro come somma aggiuntiva per il 2017, mentre toccherà il picco di 655 euro chi supera i 25 anni di contributi (che diventano 28 per i lavoratori autonomi). L'aggiunta scende per coloro che hanno pensioni più "pesanti", ovvero tra 1,5 e 2 volte il minimo: in questo caso si va da 336 euro (per i dipendenti fino a a 15 anni di contributi o gli autonomi fino a 18 anni) fino a 504 euro per quelli oltre 25 anni (28 se autonomi) di contributi.

Gli assegni aggiuntivi

Lavoratori dipendenti - Anni di contribuzioneLavoratori autonomi - Anni di contribuzioneSomma aggiuntiva (in euro) - Anno 2017
1) Fino a 1,5 volte il trattamento minimo
Fino a 15Fino a 18437
Oltre 15 fino a 25Oltre 18 fino a 28546
Oltre 25Oltre 28655
2) Da 1,5 volte a 2 volte il trattamento minimo
Fino a 15Fino a 18336
Oltre 15 fino a 25Oltre 18 fino a 28420
Oltre 25Oltre 28504

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon