Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Case per studenti, Milano e Roma sul podio dei prezzi

Logo idealista idealista 11/09/2018 Redazione

prezzi case per studenti

© idealista/news

Mentre oltre 400 mila studenti fuori sede si preparano al nuovo anno accademico (dati Miur sull’anno 2016/2017), si inizia a tirare le somme sull’impatto di questo esercito sui prezzi degli immobili, soprattutto nei quartieri vicino alle università. La spinta arriva sia da chi acquista un appartamento per il figlio studente sia da chi vuole investire potendo contare su un bacino ampio di potenziali affittuari e su di una buona rendita. Vediamo l’analisi in merito di Abitare Co.

"I quartieri interessati dalla presenza di facoltà universitarie hanno sempre catalizzato une fetta molto ampia di domanda di acquirenti immobiliari, sia per uso diretto che per investimento – spiega Alessandro Ghisolfi, responsabile del Centro Studi di Abitare Co. -  I valori di vendita e di affitto hanno dunque tenuto meglio rispetto ad altre zone nei momenti particolarmente difficili del mercato. Oggi, in presenza di un ciclo positivo del mercato residenziale in linea generale, in questi quartieri si sta registrando un'attività particolarmente positiva sia in termini di domanda che di andamento dei prezzi”.

Secondo l’analisi di Abitare Co, a livello generale, durante il primo semestre del 2018, in prossimità dei quartieri universitari, la domanda per l’acquisto di un’abitazione è aumentata in maniera più marcata (+5,2% sul 2017) rispetto a quella registrata nelle altre zone (+4,6%). Contestualmente, a settembre 2018, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, in queste zone cresce del +2,2% il prezzo medio di vendita di un’abitazione usata in buone condizioni (2.400 euro a mq) - contro +1,3% degli altri quartieri - con prezzi variabili che si attestano in un ampio range compreso fra i 1.400 euro a mq di Ferrara sino ad un valore top di 5.100 euro a Roma nel quartiere Nomentano, vicino alla Sapienza. In aumento anche la domanda di abitazioni in affitto nei pressi di zone universitarie: +4,3%, mentre nelle altre zone è del +3,7%.

Quanto costa acquistare un’abitazione usata (in buone condizioni) nei pressi delle principali università? Considerando esclusivamente i quartieri universitari delle città metropolitane, a settembre 2018 la più cara è Roma, con un prezzo medio di 4.100 euro a mq (+1,8% sul 2017): Tor Vergata risulta il quartiere più economico (2.800 euro a mq), mentre i prezzi aumentano nettamente nelle zone di Nomentano (5.100 euro a mq), Flaminio (4.800), San Lorenzo (4.200) e Garbatella (3.800).

Subito dopo Roma si colloca Milano, dove bisogna prevedere in queste zone una media di 3.700 euro a mq (+2,2%), con prezzi che variano da 2.200 della zona Bovisa a 6.700 della centralissima Sant’Ambrogio. Per il quartiere Bocconi sono necessari 3.300, mentre in Bicocca il prezzo medio è di circa 2.300.

Al terzo posto si posiziona Firenze, con un valore medio di 2.650 euro a mq (+2,2%): per chi decide di acquistare nel quartiere Gavinana, il prezzo di 2.300 è sicuramente più conveniente rispetto ai quartieri di Rifredi (2.700) e Campo di Marte (2.900).

Quanto rende, invece, investire in appartamenti ad uso affitto studentesco? “I rendimenti annui (al lordo di spese e tasse) ottenibili oggi sono compresi in un range fra il 4,8% e il 5,8% - risponde Ghisolfi - almeno un punto in più rispetto a delle abitazioni affittate in altre zone della città. Solo una massiccia dose di nuova offerta (student housing) potrebbe in futuro calmierare sia i prezzi che i canoni di affitto. Oggi si comincia in effetti a percepire un maggior interesse da parte dei grandi investitori per questo segmento del mercato residenziale, ma siamo ben lontani dai volumi europei (in Germania nel 2017 gli investimenti in case per studenti hanno superato il miliardo di Euro, ad esempio)."

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da idealista

image beaconimage beaconimage beacon