Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Giuseppe Conte promette nuovi rimpatri

In Italia il numero di migranti in questi mesi è continuato a salire e il paese si è trovato a dover far fronte quasi da solo alla pressione migratoria. Negli anni passati non solo la politica dei porti chiusi di Minniti e Salvini hanno provocato una riduzione degli arrivi. In passato un ruolo lo hanno avuto anche gli aiuti economici di Roma alla Libia e alla Tunisia per bloccare le partenze. Adesso in Libia la guerra civile non accenna a placarsi, senza considerare la grave crisi economica in Tunisia. I numeri inferiori di arrivi del 2018 e 2019 erano dettati dalle minori partenze, determinate dai soldi provenienti da Roma che, si sospetta, finissero anche nelle tasche delle milizie che gestivano il controllo delle coste libiche e dei lager dove i migranti venivano rinchiusi. L'esplosione della pandemia e il rischio sanitario legato all'arrivo dei migranti ha peggiorato le cose. Il premier Giuseppe Conte ha promesso nuove misure: "Abbiamo rinforzato il piano dei rimpatri, quindi ci sarà una sorpresa di un piano molto più efficace e confidiamo di partire molto presto per intensificare i rimpatri. Solo una gestione realmente europea e multilivell, quindi abbracciando la dimensione esterna, interna, rafforzando la partnership con i paesi di origine e di transito, senza slogan, ma con una politica efficace possiamo affrontare questo problema". L’obiettivo è quello di trovare un equilibrio tra l’accoglienza e il rigore anti-irregolari, ma se le promesse di Bruxelles non venissero implementate il risultato in Italia potrebbe essere disastroso
image beaconimage beaconimage beacon