Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Lukashenko ha prestato giuramento come presidente della Bielorussia

Aleksander Lukashenko ha prestato giuramento come presidente della Bielorussia nel corso di una cerimonia che si è svolta a Palazzo dell'Indipendenza, a Minsk. Un evento che il governo non aveva annunciato e su cui è stato tenuto uno stretto riserbo fino all'ultimo. Si tratta del sesto mandato per Lukashenko, che riveste ininterrottamente la carica dal 1994. La vittoria nelle ultime elezioni, tenutesi il 9 agosto, è stata accolta da un'ondata di proteste in varie città del paese. L'Unione europea ha parlato di frode elettorale e ha annunciato sanzioni contro i responsabili dei brogli e della brutale repressione attuata dalle forze di sicurezza contro le persone che continuano a manifestare pacificamente da sette settimane. Le proteste più partecipate sono quelle che si tengono ogni domenica nella capitale Minsk, a cui hanno preso parte fino a 200mila persone. Migliaia le persone picchiate e arrestate dalle forze di sicurezza. La leader dell'opposizione, Svetlana Tikhanovskaya, è stata costretta a lasciare la Bielorussia, mentre Maria Kolesnikova, che ne ha preso il posto come figura di riferimento, è stata rapita e portata forzatamente al confine con l'Ucraina: al momento è detenuta a Minsk ed è accusata di aver incitato ad azioni che minano la sicurezza nazionale. "Continueremo a protestare per anni" Ieri a Bruxelles i ministri degli Esteri Ue hanno incontrato Svetlana Tikhanovskaya. "Non è un'interferenza negli affari interni. La democrazia e i diritti umani sono al cuore dell'identità dell' Ue", ha detto l'Alto Rappresentante Josep Borrell. "Continueremo a protestare per settimane, mesi, anche anni, se necessario - ha detto la leader dell'opposizione - non saremo più ostaggi di Lukashenko, non vivremo più nelle sue prigioni, non torneremo più nello stato in cui abbiamo versato per ventisei anni". "Quando guardate me e tutte queste persone - ha aggiunto - dovete capire che per ventisei anni abbiamo vissuto in dittatura, abbiamo avuto paura ogni giorno. Non è una rivoluzione geo-politica, a favore o contro la Russia o a favore o contro l'Ue. È una rivoluzione democratica per la Bielorussia". Tikhanovskaya ha concluso il suo intervento chiedendo "all'intera comunità internazionale di non accettare la legittimazione di Lukashenko perché non è legittimato agli occhi del popolo bielorusso. Hanno rubato i nostri voti durante le elezioni".
image beaconimage beaconimage beacon