Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Un boom del lavoro nero

Logo Italia Oggi Italia Oggi 20/04/2017 Roberto Miliacca
Un boom del lavoro nero © ItaliaOggi Un boom del lavoro nero

Boom di appalti e somministrazioni illecite di lavoro: nell'arco di un anno il fenomeno ha fatto registrare un +39% di casi accertati. «La depenalizzazione del reato, avvenuta a ottobre dello scorso anno, non ha avuto un effetto deterrente per il fenomeno», ha denunciato ieri il direttore dell'Ispettorato nazionale del lavoro, Paolo Pennesi, intervenendo a Roma al convegno su «Caporalato, appalti e somministrazione» organizzato dal Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro. «Il fenomeno delle esternalizzazioni illecite di lavoro ha avuto una crescita esponenziale: è passato dagli 8320 casi del 2014, ai 9620 casi del 2015 (+16%), fino ai 13416 casi accertati nel 2016 (+39%)», ha detto Pennesi. Che ha messo in evidenza quali sono i settori più interessati dal fenomeno: «soprattutto il terziario e i servizi all'impresa, oltre a trasporto e magazzinaggio». Il presidente del Cncl, Marina Calderone, ha rilanciato il ruolo dei consulenti del lavoro nella fase dell'asseverazione della regolarità contributiva e retributiva delle imprese. «Occorre estendere il meccanismo dell'asseverazione AsseCo anche agli appalti, perché il mercato del lavoro italiano ha bisogno di legalità», ha detto Calderone. Il presidente Fondazione studi consulenti del lavoro, Rosario De Luca, ha denunciato il fenomeno delle esternalizzazioni illegali «sempre più frequente: è facile incappare su internet in annunci di offerte di appalti di lavoro con ribassi anche del 40%».

 

L'articolo completo su ItaliaOggi del 20 aprile 2017



Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Italia Oggi

image beaconimage beaconimage beacon