Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Di Maio: "Sì ai voucher in agricoltura e turismo"

Logo La Repubblica La Repubblica 11/07/2018 di LUCIO CILLIS
Passengers board an Alitalia airplane at the Cagliari airport, Italy, July 9, 2018. Picture taken July 9, 2018. REUTERS/Stefano Rellandini © Fornito da La Repubblica Passengers board an Alitalia airplane at the Cagliari airport, Italy, July 9, 2018. Picture taken July 9, 2018. REUTERS/Stefano Rellandini

ROMA - Luigi Di Maio apre la porta ai voucher: "Se possono servire a settori come l'agricoltura e il turismo, per specifiche competenze, allora ben vengano", ha spiegato oggi il vicepremier rimettendo al centro del dibattito un tema così delicato. Di Maio ha poi aggiunto: "L'unica cosa che chiedo alle forze di maggioranza è quella di scrivere il provvedimento evitando ogni tipo di abusi".

C'è poi il capitolo dei due grandi malati dell'industria italiana: dopo il dossier Ilva, Di Maio apre le danze pure su Alitalia che sta velocemente rientrando nei radar della politica dopo mesi di annunci (e pochi fatti). "Ci sono 144 tavoli di crisi aperti che riguardano 189 mila lavoratori all'interno dei quali ci sono due casi complessi che stiamo affrontando, Alitalia e Ilva" ha spiegato oggi il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, chiamato in audizione alle Commissioni riunite di Industria, commercio, turismo e Lavoro, previdenza sociale di Camera e Senato. "Su Alitalia - ha aggiunto - stiamo analizzando tutti i dati perché vogliamo punire i responsabili della attuale situazione, e poi valutare un piano di spending review".

Va ricordato che in particolare, nelle scorse settimane è stata la procura di Civitavecchia ad aprire un fascicolo per bancarotta della società guidata, nei fatti, dal vettore del Golfo Etihad. Nel mirino sarebbero entrati nomi di Luca di Montezemolo, presidente di Alitalia prima del fallimento e dei due amministratori delegati, Silvano Cassano e l'australiano Cramer Ball. Nelle ultime ore si sono susseguite le dichiarazioni e le indiscrezioni sulla compagnia di Fiumicino: la senatrice 5Stelle Giulia Lupo (ex assistente di volo di Alitalia), ha "rassicurato" il commissario Luigi Gubitosi e spiegato come non siano in discussione "gli amministratori straordinari ma i conti del vettore presentati dalla precedente gestione".

Infine, sulla questione della cessione del gruppo aereo, Di Maio "vede tanti scenari di vendita ma il tema è non svenderla e soprattutto capire se la stiamo vendendo per farla funzionare o per far ottenere qualche rotta in più a qualcun altro, perchè ne va anche della nostra serietà". E tra le smentite quella a proposito di un possibile ingresso di Ferrovie dello Stato nel pacchetto della futura compagnia da ricostruire.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon