Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Huawei non teme Washington

Huawei mostra ottimismo nella ricerca di una soluzione della crisi del bando di Google. Dopo la schiarita arrivata con la proroga di 90 giorni del divieto di acquistare componenti da società statunitensi. Il colosso delle telecomunicazioni assicura i suoi clienti che i dispositivi continueranno a essere aggiornati. Huawei ridimensiona anche le voci sullo sviluppo di un proprio sistema operativo per sostituire Android. "La sfida dell'attuale amministrazione statunitense, che esercita pressioni sul nostro governo e sui nostri clienti, anche in Europa, è senza precedenti - dice Abraham Liu, vice Presidente Huawei per la Cina - Ma credo fermamente che i nostri azionisti e i nostri clienti in Europa, prenderanno decisioni indipendenti ed esprimeranno il loro giudizio di valore". L'azienda confida che il mercato allevi la fobia di Washington. E mentre il Dipartimento per la sicurezza statunitense lancia un nuovo allarme contro i droni prodotti in Cina, il Presidente Xi Jinping avverte: "La Cina è pronta ad intraprendere una nuova Lunga Marcia".
image beaconimage beaconimage beacon