Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

L'Italia esce dalla recessione: "L'economia torna a crescere"

Logo Il Giornale Il Giornale 20/04/2019 Giovanni Corato
Imagoeconomica © Fornito da Il Giornale Online SRL Imagoeconomica

A dispetto delle previsioni, il pil dell'Italia torna - timidamente - a crescere. A certificarlo è la Banca d'Italia secondo cui il prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,1% nei primi tre mesi del 2019 dopo il calo registrato nella seconda metà del 2018.

I tecnici di via Nazionale scrivono infatti nel Bollettino economico che nel trimestre invernale l'attività sarebbe cresciuta nell'industria in senso stretto, mentre si sarebbe confermata debole nei servizi e nelle costruzioni. Ma se restano negative le previsioni sulla crescita in media d'anno, il rischio recessione sembra - per ora - scongiurata. "Il modesto calo dell"occupazione, che nel trimestre autunnale ha riflesso la fase di debolezza ciclica, non sarebbe proseguito nel bimestre gennaio-febbraio", spiegano da Bankitalia. Che imputa anche all'andamento positivo delle esportazioni - cresciute nell"ultima parte del 2018 a ritmi sostenuti - la ripresa.

È tornata a salire anche la produzione industriale italiana nel primo trimestre dell'anno. Dopo essere sceso nella parte finale del 2018, rileva la Bancad'Italia nel Bollettino economico, il dato è risultato in aumento sia in gennaio (1,9% rispetto al mese precedente) sia in febbraio (0,8%), per effetto soprattutto della dinamica nel settore dei beni di consumo e "la crescita sarebbe proseguita nel mese di marzo". Via Nazionale non manca di osservare tuttavia come le indagini qualitative segnalino che le imprese restano caute nei giudizi sulla situazione economica generale e sulla domanda.

Nella media del 2018, scrivono gli economisti di via Nazionale, il numero di occupati è aumentato dello 0,9%. La flessione registrata nell'ultimo trimestre dell'anno, afferma Bankitalia, è da ricondurre soprattutto al calo nel settore dei servizi alle famiglie e agli individui. L'occupazione è invece rimasta pressoché invariata nell'industria in senso stretto e ha continuato a crescere negli altri servizi privati. Il numero di ore lavorate è diminuito in tutti i principali comparti, ad eccezione delle costruzioni.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Giornale

image beaconimage beaconimage beacon