Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Occupazione, crescono i giovani e le donne

Logo La Stampa La Stampa 09/01/2018
© Fornito da La Stampa

Tre segnali positivi, ma non basta. Gli ultimi dati Istat su occupazione e disoccupazione a novembre segnalano il raggiungimento di alcuni risultati positivi, ma anche le ragioni di una non ancora superata fragilità.

I primi dati positivi sono relativi alla crescita dell’occupazione complessiva (+ 65 mila rispetto a ottobre, + 345 mila nell’ultimo anno), con un tasso di occupazione salito al 58,4% (+0,9% nell’ultimo anno), che porta a un record dal 2004 di 23.183 mila occupati. Il tasso di disoccupazione scende all’11%.

Leggi anche - Cresce il numero degli occupati: a novembre +65mila

Per i giovani scende il tasso di disoccupazione al 32,7% (-7,2% nell’ultimo anno) mentre gli occupati nella fascia 15-34 anni salgono di 110mila unità nell’ultimo anno. Bisognerà vedere quanto questo dato prenderà il volo nel corso del 2018, dopo che sono stati approvati i nuovi incentivi alle assunzioni che mettono al centro i giovani.

Ma l’exploit più interessante, che andrà valutato nel prossimo periodo, è il record del tasso di occupazione delle donne, che arrivano al 49,2%. Il dato è la spia che un maggiore investimento sulle donne, oltre che sui giovani, produce risultati positivi, data anche la relativa bassa quota da cui parte il nostro paese rispetto all’Europa.

Segnale non positivo è quello della permanenza della strategia dell’attesa. Le aziende privilegiano i contratti a termine rispetto a quelli stabili. Su base annua, la crescita infatti si concentra tra i lavoratori dipendenti (+497 mila, di cui +450 mila a termine e +48 mila permanenti), mentre calano gli indipendenti (-152 mila). In valori assoluti aumentano soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+396 mila) ma anche, come si è visto, i 15-34enni (+110 mila), mentre calano i 35-49enni (-161 mila). Il tutto all’insegna di una fiducia verso la ripresa che ha ancora bisogno di essere sostenuta.

ALTRO SU MSN:

Occupazione, il boom dei contratti a termine (Mediaset)

Riproduci nuovamente video
 

Sponsorizzato: WINDOWS 10: più Facile, più Semplice, più Veloce. Aggiorna ora il tuo computer e rivoluziona il tuo modo di connetterti >>

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Stampa

image beaconimage beaconimage beacon