Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Scendono i titoli di Stato italiani in pancia alle banche

Logo Milano Finanza Milano Finanza 10/10/2018 Francesca Gerosa
© Milano Finanza

Prosegue la flessione delle sofferenze in pancia alle banche italiane. Secondo i dati del bollettino "Banche e moneta" di Banca d'Italia ad agosto il totale delle sofferenze lorde in capo agli istituti di credito residenti in Italia è stato pari a 126,285 miliardi di euro, il minimo da gennaio 2013, dai 127,501 miliardi di luglio. Ma le sofferenze nette sono aumentate a 40,49 miliardi da 40,126 miliardi del mese precedente, record negativo da dicembre 2010. Su base annua le sofferenze lorde hanno registrato un tasso di riduzione del 20,8%, per effetto di alcune operazioni di cartolarizzazione, dopo il -20,9% di luglio.

Sul fronte della raccolta bancaria, ad agosto è rallentata la crescita dei depositi con un +4,3% annuo dal +4,7% di luglio. E' poi proseguito il calo della raccolta obbligazionaria con un -18,2% dal precedente -19,3%. Mentre i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti del 2,6% su base annua (+2,5% a luglio). Più nel dettaglio, i prestiti alle famiglie sono cresciuti del 2,7% (+2,8% nel mese precedente), mentre quelli alle società non finanziarie sono aumentati dell'1,2% (+1,1% a luglio). 

Sono aumentati anche i tassi di interesse. I tassi sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l'acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,21% (2,15% a luglio); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all'8,37% (8,22% a luglio). Invece i tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono risultati pari all'1,55% (1,48% a luglio), quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1

milione di euro all'1,98%, quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all'1,19% e i tassi passivi sul complesso dei depositi in essere allo 0,40%.

Infine, ad agosto, il controvalore di titoli di Stato italiani detenuto dalle banche residenti in Italia è diminuito per la prima volta dopo sette mesi di rialzi, segnala l'agenzia Reuters. Infatti, riporta Reuters, ad agosto le banche italiane avevano in portafoglio titoli di Stato nazionali per un importo pari a 364,7 miliardi di euro, in calo dai 373,4 miliardi di euro di luglio, un dato, quest'ultimo, che rappresentava il valore più alto da maggio 2017.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Milano Finanza

image beaconimage beaconimage beacon