Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Tim, Gubitosi al lavoro su rete unica sollecita l'Agcom: «Deve osare»

Logo Il Mattino Il Mattino 4 giorni fa
© ARCHIVIO MATTINO

Il dossier 'rete unica' si scalda e l'ad di Tim Luigi Gubitosi si prepara a portare in comitato strategico le opzioni possibili per un'aggregazione con Open Fiber che dovrebbe poi approdare sul tavolo del cda il 27 giugno e il 1 agosto. Un piano definito però ancora non c'è e il manager invita a diffidare dei rumors. «Ogni tanto vedo ricostruzioni fantasiose, aspetterei la versione originale, quando sarà pronta la daremo» ma che «per ora non c'è» ha detto Gubitosi intervenendo al convegno Vocazione Reti, organizzato a Napoli da Fistel Cisl, con Agcom.

Il nodo è sempre stata la valutazione degli asset. «Di cifre ne sono girate tante» commentano gli analisti, si era partiti da 3-4 miliardi di euro e ora si parla di 2 miliardi. «Immaginiamo di Equity value, una stima più alta del range 1,3-1,6 miliardi da noi ipotizzato - commenta Equita Sim - ma pur sempre in un'area di ragionevolezza rispetto ad altre valutazioni circolate». Enel ha il suo 50% iscritto a bilancio per 490 milioni di euro, Cdp Equity per 496 milioni (a 'fair valuè). Open Fiber non ha ancora depositato il suo bilancio ma dalla relazione finanziaria di Enel emerge che i ricavi sono stati pari 114 milioni e il 2018 si è chiuso con una perdita di 127 milioni di euro. Il totale dell'attivo di Open Fiber risulta di 2,4 miliardi, in particolare le attività non correnti sono pari a 2,084 miliardi e quelle correnti a 313 milioni. E se da un lato per la Rete Unica è sceso in campo anche il Governo, dall'altro l'azienda mette a tema anche la reale domanda in Italia di fibra. «Il digital divide tra aree nere e aree bianche negli ultimi anni è aumentato, non diminuito - ha fatto notare Gubitosi - Ci sono tanti che investono nelle aree nere, c'è poca gente che usa internet nelle aree bianche».

«Questo - ha concluso - è prodotto di una politica che non ha avuto successo e forse andrebbe ripensata». «Abbiamo un problema perché gli italiani non sentono sufficientemente il bisogno di utilizzare internet» e anche per questo da ottobre Telecom inizierà a fare corsi di formazione per la cittadinanza. E non manca di sollecitare anche Agcom. «Non c'è bisogno che dica all'Autorità cosa deve fare, abbiamo un'autorità forte che in Italia con una grande tradizione ha avuto grandi presidenti ma vi lascio con una frase di Robin Williams nel film 'L'attimo fuggente': 'Osate cambiare, cercate nuove strade».

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Mattino

image beaconimage beaconimage beacon