Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Trump: se resta web-tax dazi al 100% su esportazioni francesi

Logo Rai News Rai News 4 giorni fa claudio.borelli
Donald Trump © claudio.borelli Donald Trump

Se la Francia va avanti con la web-tax che colpisce i colossi americani - da Google a Facebook ad Amazon - da gennaio gli Stati Uniti metteranno dazi fino al 100% su beni per un valore di 2,4 miliardi di dollari. La web-tax di Parigi impone un'aliquota del 3% sui ricavi delle società tecnologiche in Francia con un fatturato di almeno 750 milioni di euro.

L'innesco di una nuova durissima guerra commerciale arriva da Washington, mentre Donald Trump è in viaggio verso Londra per il vertice della Nato. La Casa Bianca poi, mette in guardia anche altri Paesi come l'Italia, l'Austria e la Turchia. Il rappresentante Usa al commercio, Robert Lighthizer ha presentato i risultati di cinque mesi di indagini le cui conclusioni parlando di 'chiara discriminazione' verso le società americane del settore digitale se saranno colpite dalla tassa. 

Anche in Italia la web-tax, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2020, prevede un prelievo del 3% per le imprese con ricavi ovunque realizzati non inferiori a 750 milioni e ricavi derivanti da servizi digitali non inferiori a 5,5 milioni. Saranno la pubblicità mirata agli utenti online, la fornitura di beni e servizi venduti su piattaforme digitali e la trasmissione di dati degli utenti e generati dall’utilizzo di un’interfaccia digitale i tre ambiti di applicazione della nuova tassa. Il prelievo colpisce soltanto il B2B: esclusi quindi servizi come Netflix e Spotify. Tra le aziende target potranno esserci Google, Facebook e Amazon sui business relativi alla pubblicità come pure i servizi offerti da Alibaba, Amazon o eBay.

Sul vertice in cui si dovrebbero festeggiare i 70anni dell'Alleanza Atlantica, su addensano nubi pesanti. Il clima è già teso per la questione dei finanziamenti alla Nato e per le pressioni degli Stati Uniti perché gli alleati impediscano a Huawei di sviluppare il 5G in Europa. 

Trump sostiene che la web-tax sarebbe discriminatoria nei confronti delle società americane e di volere negoziare e trovare una soluzione in sede Ocse. Ma i tempi sono stretti, perché una decisione definitiva è attesa entro il 14 gennaio. Senza intesa, dovrebbero scattare contro Parigi i nuovi dazi su champagne, borse e altri beni di lusso. E su quei vini e formaggi già colpiti da dazi al 25% il mese scorso. Così come lo sono stati alcuni prodotti italiani dopo il verdetto del Wto sugli aiuti europei ad Airbus. Una situazione che l'Italia vive come un'ingiustizia e che ha creato qualche tensione anche durante la recente visita alla Casa Bianca del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Rai News

image beaconimage beaconimage beacon