Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Col Fisco tutti Pinocchio: bugie per oltre 120 miliardi

Logo First Online First Online 22/01/2018 Silvano Bonini

Di fronte al fisco siamo tutti un po’ Pinocchio: alle dichiarazioni dei redditi poco veritiere si aggiungono spesso le bugie degli intervistati alle indagini campionarie. E’ il cosiddetto under reporting: i soggetti intervistati mentono sui propri redditi, sottostimandoli nel timore che si possano stabilire collegamenti con quanto hanno dichiarato al fisco.

Pinocchio © Fornito da Firstonline Pinocchio

L’under reporting riguarda soprattutto i contribuenti soggetti ad autotassazione, in corrispondenza delle classi di reddito più elevate (dai 40-60 mila euro in su). Sui redditi da lavoro autonomo e impresa il 23% degli intervistati (in sostanza, uno su 4) non dice la verità, e il tasso aumenta ancora per le rendite da capitale e da affitto: 44%. Superfluo notare che l’under reporting non si riscontra per i redditi da lavoro dipendente.

Ma quali sono le conseguenze di queste bugie al fisco? L’ultimo dossier messo a punto dall’Ufficio valutazione impatto (12 gennaio) che realizza analisi delle politiche pubbliche, stima un tasso di evasione totale pari a circa il 37% per il lavoro autonomo e al 65% per le rendite. Il valore assoluto dei redditi complessivi evasi oscillerebbe tra i 124,5 e i 132 miliardi di euro.

Con conseguenze anche sull’Irpef, perchè – viene fatto notare – si modifica l’impatto redistributivo, riducendone la progressività: l’aliquota media effettiva diminuisce di circa 4 punti percentuali, passando dal 20% circa al 16% (senza evasione).

ALTRO SU MSN:

Picole somme in nero per raggirare il fisco (Mediaset)

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da FIRST online

image beaconimage beaconimage beacon