Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Genova, mamma fumava in auto Multata perché c’era anche il figlio

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 20/03/2017
© Fornito da Corriere della Sera

E’ una legge dello stato dal 2016, finora è stata applicata raramente e uno di questi rari casi è avvenuto sabato scorso a Genova: una donna è stata multata dai carabinieri perché sorpresa a fumare in auto dove viaggiava anche il figlio di otto anni della donna. Inevitabile la contravvenzione per l’automobilista che, attonita, non era a conoscenza di aver violato una norma che tutela dal fumo passivo tutti i soggetti ritenuti a rischio. Tra cui, appunto i bambini. La vettura guidata dalla donna è stata fermata per un controllo di routine a Pontedecimo, alla periferia del capoluogo ligure; mamma e figlio rientravano a casa dopo una partita di calcio e il bambino, in auto, stava dormendo.

La norma che vieta di fumare in auto in presenza di soggetti a rischio è una evoluzione della legge antifumo varata nel 2003 (quella che proibisce il consumo di tabacco in tutti i locali pubblici) ed è stata applicata poche volte in Italia. Uno dei pochi precedenti risale al gennaio scorso, quando a Trento un sessantenne venne «pizzicato» con la sigaretta al volante e la figlia in stato di gravidanza accanto. La legge, modificata nel 2016, prescrive all’articolo 51 il «divieto di fumare da parte del conducente di autoveicoli in sosta e in movimento e dei passeggeri a bordo degli stessi in presenza di minori di 18 anni e di donne in stato di gravidanza»

ALTRO SU MSN:

Multa ingiusta? Così puoi fartela togliere

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon