Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Noemi, ritrovato il cadavere della 16enne scomparsa a Lecce. Fidanzato 17enne confessa: "L'ho uccisa"

Logo La Repubblica La Repubblica 13/09/2017 di GIULIANO FOSCHINI

LECCE - Uccisa a pietrate e sepolta tra i sassi. Così è morta la sedicenne di Specchia (Lecce) Noemi Durini, scomparsa 10 giorni fa da Specchia e uccisa dal fidanzato di un anno più grande. Il diciassettenne di Alessano, un paese vicino, ha confessato l'omicidio e ha indicato ai carabinieri il luogo in cui ha nascosto il cadavere: sotto un cumulo di pietre di un muretto a secco in località San Giuseppe di Castrignano del Capo, a pochi chilometri da Santa Maria di Leuca, forse uccisa a colpi di pietra. Noemi era vestita: aveva indosso i leggings di colore nero, la maglietta nera e le scarpe da tennis bianche e nere, gli stessi indumenti che aveva quando si è allontanata da casa il 3 settembre scorso per salire sulla vettura guidata dal fidanzato 17enne. Si è risolto tragicamente dopo dieci giorni il giallo della scomparsa dell'adolescente che ha tenuto il Salento col fiato sospeso. Il ragazzo è accusato di omicidio volontario e il padre è indagato per concorso in omicidio, perché - stando a quanto gli inquirenti stanno ancora ricostruendo - avrebbe aiutato il figlio a nascondere il corpo o quantomeno a occultare le prove. All'uomo è stato notificato un avviso di garanzia per sequestro di persona e occultamento di cadavere. Il giovane è stato nuovamente portato nella caserma dei carabinieri per essere interrogato ancora.

Una ventina di carabinieri, alcuni dei Ris di Roma, ha effettuato una perquisizione nell'abitazione della famiglia del fidanzato 17enne di Noemi Durini. Nell'abitazione di Montesardo, frazione di Alessano, si cercano tracce, anche biologiche, della ragazza. Il ragazzo era un tipo conosciuto come violento. Era già in cura al Sert per uso di droghe leggere, aveva subito tre trattamenti sanitari obbligatori in un anno e aveva qualche guaio con la giustizia.

Pur non avendo la patente, guidava regolarmente la Fiat 500 della mamma, fatto di cui si vantava con gli amici. Non riusciva a controllarsi, era irascibile con tutti, anche con la sua fidanzata, una studentessa ribelle e innamoratissima di lui, tanto da assecondarlo ogni volta, anche se il ragazzo la picchiava perché geloso e possessivo. E' questo il ritratto che gli investigatori fanno sulla personalità del 17enne.

I sospetti si erano concentrati da giorni sul fidanzato ma l'accelerazione alle indagini è stata impressa dal sequestro dell'auto di uno dei suoi familiari, che all'alba del 3 settembre il giovane aveva utilizzato per andare a prendere Noemi a casa. Su quella vettura i due fidanzati i sono stati ripresi da una videocamera a Specchia. E' stata quella l'ultima volta in cui Noemi è stata vista viva. Sul posto indicato dal diciassettenne si sono recati il procuratore capo di Lecce, Leonardo  Leone De Castris e i pm che si occupano delle indagini.

La scomparsa era stata denunciata dalla famiglia il 6 settembre, perché la speranza dei genitori era che potesse tornare a casa, considerato che già altre volte si era allontanata a causa dei contrasti con la famiglia, che contestava il rapporto con il ragazzo di Alessano. Come ha confermato la nonna di Noemi, Vincenza Cacciatore, quel giovane era inviso ai parenti e più volte i genitori avevano sollecitato Noemi a non frequentarlo. Lei invece si ostinava a proseguire la relazione, anche se più volte aveva raccontato alle amiche di essere stata maltrattata dal compagno.

A conferma del rapporto difficile tra i due, anche alcuni post pubblicati dalla studentessa su Facebook, dove a fine agosto aveva condiviso un post significativo sull'amore malato. Il profilo della ragazza e le sue chat sono state scandagliate a fondo dai carabinieri, che hanno interrogato diverse volte il ragazzo e, dopo avergli contestato l'accusa di omicidio, sono riusciti a metterlo alle strette.Le ricerche della sedicenne erano state avviate venerdì scorso, cinque giorni dopo la scomparsa e due dopo la denuncia. Sono state controllate le campagne di Alessano e Specchia, i vigili del fuoco si sono calati in pozzi e vore, le unità cinofile hanno ispezionato numerose grotte ma nessuna traccia di Noemi era stata trovata. La svolta è arrivata quando i genitori di Noemi si trovavano nella Prefettura di Lecce per partecipare a una conferenza stampa indetta al termine della riunione del tavolo di coordinamento ricerche persone scomparse.La notizia ha raggiunto i parenti e le autorità poco prima dell'arrivo della notizia della morte di Noemi, che ha gettato nello sconforto i familiari. La madre, Imma Rizzo, è stata colta da un malore e poi accompagnata in ambulanza a Specchia. Il padre ha provato a raggiungere la campagna di Castrignano in cui è stato occultato il cadavere ma gli è stato impedito di avvicinarsi al cumulo di pietre. Nel primo pomeriggio in via Madonna del Passo, dove si trova l'abitazione di famiglia, è stata raggiunta dai parenti e dagli amici.

Noemi Durini © Fornito da La Repubblica Noemi Durini

Il rapporto tra i due adolescenti era stato da sempre osteggiato dalla famiglia di Noemi che considerava il 17enne un poco di buono. Qualche settimana fa il presunto assassino era stato denunciato alla Procura per i minorenni dalla mamma di Noemi, Imma Rizzo, a causa del suo carattere violento. La donna, che temeva per la sorte della figlia che da un anno frequentava il giovane, chiedeva ai magistrati di intervenire per far cessare il comportamento violento del ragazzo e per allontanarlo dalla figlia.

Ne erano nati due procedimenti: uno penale per violenza privata, l'altro, civile, per verificare il contesto familiare in cui vive il giovane e se fossero in atto azioni o provvedimenti per porre fine alla sua indole violenta. Procedimenti che non hanno portato a provvedimenti cautelari.

Il nonno di Noemi, Vito Rizzo, dice che "bisognava allontanarlo prima, bisognava rinchiuderlo in una casa di cura". "Penso - aggiunge - che il lavoro non l'abbia fatto da solo. Dopo tanti giorni che non avevamo notizie - dice - cose buone non ne potevano venire. Anche il fatto che a casa c'era il suo cellulare non era una cosa buona. Abbiamo subito avuto sospetti nei confronti del fidanzato".

ALTRO SU MSN:

Noemi: la scomparsa, le ricerche, la confessione. I dieci giorni da incubo (Corriere tv)

Riproduci nuovamente video
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon