Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Padova, 14enne colpita da infarto a scuola: dichiarata la morte cerebrale

Logo La Repubblica La Repubblica 21/02/2020 di ENRICO FERRO

PADOVA. Un attimo prima seguiva la lezione di matematica, un attimo dopo il suo corpo si è accasciato come un sacco vuoto. Morire a 14 anni per un infarto improvviso, con i compagni di classe costretti ad assistere al triste spettacolo della vita che scivola via. Anna Modenese, studentessa padovana di prima superiore, è morta dopo nemmeno 24 ore di ricovero in unità coronarica. Tre arresti cardiaci consecutivi non le hanno lasciato scampo e così, nonostante la rianimazione del 118 in classe e la successiva permanenza in terapia intensiva, è iniziato l’iter per la dichiarazione di morte cerebrale.

GUARDA ANCHE: Malasanità: dimesso dall'ospedale senza aver effettuato alcun controllo, muore in serata

Riproduci nuovamente video

«Purtroppo nel 2020 non è ancora possibile prevenire un arresto cardiaco. È possibile però diffondere la cultura della rianimazione, di cui il defibrillatore è il cardine», dice la professoressa Luisa Cacciavillani. Il preside Alberto Danieli si difende: «Il defibrillatore non è un obbligo nelle scuole». Vero, ma visto l’epilogo, con la morte prematura della studentessa, quello del defibrillatore è un tema.

Anna Modenese si è sentita male martedì mattina, nella 1B del liceo delle Scienze Umane Duca d’Aosta di Padova. Prima ora, matematica. Il professore entra in classe e inizia a spiegare. Dopo neppure mezz’ora dall’inizio della lezione, nel silenzio, si leva un urlo. È la compagna di banco. Vede la coetanea cadere priva di sensi. La classe pensa a uno svenimento, ma la studentessa non si riprende. Non parla, non respira.

© Fornito da La Repubblica

Attorno a lei si radunano  compagni di classe, professori, bidelli. Qualcuno chiama l’ambulanza. La gravità della situazione è chiara fin da subito. Le operazioni di rianimazione del 118 sono un chiodo che sarà difficile rimuovere per tutti i 29 studenti presenti, per i professori, per il personale della scuola. D’un tratto il cuore riprende a battere, la corsa al pronto soccorso finisce nel reparto di Terapia intensiva della Cardiologia. I medici hanno rilevato tre arresti cardiaci in poco tempo.

Dopo una notte trascorsa in ospedale, dopo aver provato tutto ciò che era possibile fare, è stato avviato l’iter di accertamento della morte cerebrale, terminato nel primo pomeriggio di oggi. Anna lascia il padre Alessandro Modenese, la madre Claudia e il fratellino. I familiari hanno consentito l’espianto degli organi.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon