Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Corea del Nord, ucciso in Malesia il fratellastro del leader supremo Kim Jong-un

Logo La Repubblica La Repubblica 14/02/2017

Kim Jong-nam, fratellastro più grande del leader nordcoreano Kim Jong-un, è stato ucciso lunedì mattina in Malaysia: lo riferiscono l'agenzia Yonhap e altri media sudcoreani, in base a fonti del governo di Seul. Kim Jong-nam viveva per lo più al di fuori del suo Paese.

L'assassinio di Kim, considerato dal 1994 al 2001 il vero delfino del "caro leader" Kim Jong-il, sarebbe avvenuto in una sorta di azione da spy-story all'aereoporto di Kuala Lumpur. I media sudcoreani, l'agenzia Yonhap e la Tv Chosun, emittente canale via cavo, hanno detto che l'omicidio sarebbe avvenuto in un aeroporto della Malaysia da due agenti donna non identificate che lo avrebbero freddato "con punte avvelenate". Le sospettate sarebbero poi svanite nel nulla in un'azione che ha rafforzato la convinzione della polizia locale che possa esserci la Corea del Nord dietro l'operazione.

Se confermata quest'ipotesi comunicata da fonti governative di Seul, si tratterebbe del secondo caso di morte di un'alta personalità della famiglia Kim, al potere da 70 anni circa, dopo l'esecuzione di dicembre 2013 di Jang Song-thaek, zio del leader attuale, una volta suo tutore e numero due del regime. Oltre a Jang, accusato di golpe, venne uccisa tutta la sua famiglia e gli uomini e a lui vicini. Inizialmente - alimentata dalla stampa di regime - si era sparsa la voce che l'uomo era stato gettato in una gabbia e sbranato vivo da un branco di 120 cani affamati. Una versione successivamente giudicata non credibile.

Kim Jong-nam, 45 anni, è nato dalla relazione tra il "caro leader" e Sung Hae-rim, un'attrice sudcoreana di nascita, morta a Mosca: la caduta in disgrazia di Kim fu causata dal goffo tentativo di raggiungere il Giappone a maggio 2001 con un passaporto falso dominicano volendo godersi una vacanza a Tokyo Disneyland.

© Fornito da La Repubblica

A distanza di qualche anno si rifugiò a Macao, prima di trasferirsi, poco dopo la morte del padre, in diversi Paesi del sud-est asiatico per i timori di poter essere assassinato. In esilio, Kim viveva protetto dal governo cinese ed era impegnato nell'investimento di fondi. E' stato spesso intervistato dai media giapponesi esprimendo anche critiche sul regime controllato dalla famiglia, auspicando il varo di una stagione di riforme.

La notizia della morte di Kim Jong-nam è arrivata dopo un paio d'ore dalla ferma condanna da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per l'ultimo test missilistico condotto domenica dalla Corea del Nord, al termine di una riunione d'emergenza convocata su richiesta di Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti.

Video: Corea del Nord, la tv di stato: "Test missilistico riuscito"

Ribadendo che i lanci di missili balistici sono "in grave violazione degli obblighi internazionali" di Pyongyang ed "accrescono la tensione" nella regione, il Consiglio di sicurezza ha esortato i Paesi membri "a raddoppiare gli sforzi per applicare pienamente le misure imposte" contro il 'regno eremita'. L'Onu aveva inasprito ulteriormente le sanzioni contro la Corea del Nord nel novembre scorso, due mesi dopo aver condotto il suo quinto test nucleare. Ieri, Pyongyang ha confermato il test, avvenuto "con successo", di un missile a medio raggio Pukguksong-2 in grado di portare una testata nucleare, al quale era presente anche il leader nordcoreano Kim Jong Un.Al termine della riunione al Palazzo di Vetro, fonti della rappresentanza d'Italia a New York hanno sottolineato l'unità con cui il Consiglio di Sicurezza ha immediatamente reagito al test balistico attraverso il comunicato di condanna dei lanci. Nel suo intervento in Consiglio, l'ambasciatore Sebastiano Cardi ha espresso la preoccupazione dell'Italia per questa ennesima violazione delle risoluzioni in materia. Come presidente del Comitato Sanzioni, il rappresentante italiano ha fatto appello a tutti gli Stati per la piena attuazione del regime sanzionatorio il cui obiettivo è di facilitare il raggiungimento di una soluzione pacifica per la penisola coreana e per l'intera regione.

ALTRO SU MSN:

Corea del Nord, una “seria minaccia” secondo Ash Carter

Riproduci nuovamente video
SUCCESSIVO
1
Annulla

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon