Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Il 2S4 Tyulpan, ecco il super mortaio pesante schierato dai russi a Mariupol

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 14/05/2022 Guido Olimpio

Come in un assedio medioevale, dove chi circondava la fortezza portava «macchine da guerra» sempre più potenti per aprire una breccia. I russi – secondo notizie dal campo – hanno schierato a Mariupol il «mortaio» pesante semovente 2S4 Tyulpan da 240 millimetri. È un’arma entrata in servizio a metà degli anni ‘70, ha una cadenza di tiro di un colpo al minuto, ma spara proiettili dall’impatto devastante. Il raggio d’azione cambia a seconda del modello, può arrivare anche a circa 11 miglia. È probabile che in questa missione dentro la città utilizzino bombe a guida laser con un raggio di circa 5 miglia. Almeno questo sostengono gli esperti di War Zone. — Le notizie di oggi sul conflitto Le Smelchak – questo il nome - servono per centrare con maggiore precisione l’ingresso di tunnel, strutture, bunker. È una mossa ulteriore da parte degli invasori per cercare di penetrare all’interno del reticolo di cunicoli – risalenti all’epoca sovietica – e di quelli creati dagli stessi bombardamenti. I russi colpisco da un lato e dall’altro mandano avanti, con cautela, unità di fanteria. Un’operazione comunque costosa. Sarebbe interessante capire a quanto ammontano le scorte degli assediati.

Pochi giorni fa un alto ufficiale ucraino aveva affermato che erano stati in grado di portare piccoli rifornimenti all’acciaieria sfruttando lo spazio aereo, dunque con voli di elicotteri. In seguito, però, l’aviazione nemica è riuscita ad imporre un controllo rendendo impossibile i soccorsi. Chissà se la resistenza ha trovato altre vie. Il Tyulpan è apparso anche sul fronte del Donbass ed è stata impiegata contro le postazioni/trincee difensive dell’Ucraina.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon