Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

La pandemia di Covid-19 accelera a livello globale, gli Stati Uniti fanno dietro front

Logo Euronews Euronews 5 giorni fa
© Fornito da Euronews

Il tasso di contagio a Leicester è tre volte superiore a quello della seconda città più colpita dalla pandemia in Inghilterra, Leeds. E mentre il Paese si prepara a uscire dal lockdown il 4 luglio, nella città delle Midlands negozi non essenziali, pub, ristoranti e parrucchieri resteranno chiusi per altre due settimane.

"Raccomandiamo alle persone di Leicester di rimanere in casa il più possibile - ha detto in parlamento Matt Hancock, segretario di Stato alla Sanità - E raccomandiamo di viaggiare solo in caso di necessità, da o verso Leicester".

È la prima città a essere sottoposta a misure di restrizione locali. Giovedì chiudono anche le scuole.

L'altro focolaio europeo potrebbe svilupparsi nei Balcani, dove prosegue la crescita dei contagi. In Serbia introdotto l'obbligo della mascherina protettiva in tutti i luoghi al chiuso.

A sei mesi dall'inizio dell'epidemia di COVID-19, l'Organizzazione mondiale della sanità avverte che il peggio deve ancora venire.

"Tutti noi vogliamo andare avanti con le nostre vite, ma la dura realtà è che non è nemmeno lontanamente finita - ha detto Tedros Adhanom, il direttore genelare dell'Oms - Anche se molti Paesi hanno fatto qualche progresso, a livello globale la pandemia sta effettivamente accelerando".

Anche negli Stati Uniti, i governatori fanno dietro front sulle riaperture di bar e ristoranti dopo l'impennata di contagi che ha colpito soprattutto il Sud. Texas, California e Arizona tornano a chiudere bar, palestre e cinema per 30 giorni. Il Nevada congela alla 'fase due' il processo di ripresa dell'attività. In vista del quattro luglio, resteranno chiuse le spiagge dalla Florida alla California.

Riproduci nuovamente video
Scegli tu!
Scegli tu!

More from Euronews

image beaconimage beaconimage beacon