Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Libia, Serraj: «800mila migranti pronti ad invadere l'Italia». L'Onu contro Haftar: «Il suo è un golpe»

Logo Il Gazzettino Il Gazzettino 6 giorni fa

Libia, Serraj: «800mila migranti pronti ad invadere l'Italia». «Fate presto», il peggioramento della situazione in Libia potrebbe spingere «800mila migranti e libici a invadere l'Italia e l'Europa». E in questo enorme numero di migranti ci sono anche criminali e soprattutto jihadisti legati a Isis. Lo sostiene il premier libico Fayez al-Sarraj, in un'intervista all'inviato del Corriere della Sera a Tripoli, pubblicata sul sito del quotidiano. Sarraj ringrazia inoltre l'Italia per la sua mediazione e per il suo sostegno per la pace in Libia.

Continua l'escalation di violenza in Libia; le forze di Khalifa Haftar hanno lanciato cinque missili Grad nel corso della notte sul quartiere di Abu Slim, a ridosso del centro di Tripoli. Lo riferiscono le autorità del municipio e numerosi residenti. Un missile ha centrato un'abitazione, causando almeno tre feriti, e distruggendo diverse auto parcheggiate nei pressi.

Riproduci nuovamente video

L'Onu contro Haftar: «Il suo è un golpe». «Khalifa Haftar non sta compiendo un'operazione anti-terrorismo, ma un colpo di Stato»: lo ha detto l'inviato speciale dell'Onu in Libia, Ghassan Salamè, al programma radiofonico R4 della Bbc.

 

Intanto una intera compagnia di Tarhouna delle forze di Khalifa Haftar si è arresa alle forze governative libiche sul fronte di Suani ban Adem, 25km a sudovest di Tripoli. Lo riferiscono fonti informate all'ANSA. La compagnia, composta da una trentina di militari, si è consegnata uomini e mezzi - tra i quali diversi pick-up e blindati - alla brigata 166 di Misurata, attiva nell'area.

«Stiamo sempre seguendo l'evoluzione in Libia, oggi è una giornata molto impegnativa, siamo preoccupati, dobbiamo assolutamente scongiurare che possa proseguire questo conflitto armato - ha detto il preidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Abbiamo una precisa strategia, vogliamo una soluzione politica, farò di tutto perché tutti gli attori libici, ivi compresi gli esponenti della comunità internazionale, lavorino con noi per una soluzione pacifica».

SCELTI PER TE DA MSN:

Selvaggia Lucarelli e i grandi amori della sua vita

Quanto costerà la Brexit ai cittadini italiani?

Attori degli anni 80: come sono cambiati

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Gazzettino

image beaconimage beaconimage beacon