Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Lo specialista Usa visita Charlie, è l’ultima speranza per il piccolo

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 5 giorni fa Redazione Online

Ha il volto di Michio Hirano, luminare della neurologia alla prestigiosa Columbia University di New York, l’ultima speranza per Charlie Gard, il piccolo di 11 mesi affetto da una rara sindrome degenerativa a cui i medici del Great Ormond di Londra intendono staccare la spina. Hirano lo sta visitando assieme ai colleghi britannici in vista di un riesame del caso di fronte all’Alta Corte del Regno e di un possibile trasferimento del bimbo negli Usa, chiesto finora invano dai genitori, per tentare una cura sperimentale.

© Fornito da RCS MediaGroup S.p.A.

Fino al 50% di possibilità di miglioramento

Hirano nei giorni scorsi ha ipotizzato da un 10 fino a un 50% di possibilità di miglioramento per Charlie se la terapia alternativa che sta sperimentando (agli stadi iniziali) dovesse funzionare. Una ipotesi che contrasta con l'irrimediabilita' della diagnosi infausta e terminale fatta nei mesi scorsi dai dottori londinesi del Great Ormond Hospital, e sulla base della quale l'Alta Corte britannica come la Corte Europea dei Diritti Umani hanno quindi autorizzato la decisione di staccare la spina contro il volere dei genitori del piccolo, Connie Yates e Chris Gard.

Il supplemento di udienze

Un verdetto rimasto tuttavia sospeso sullo sfondo della campagna internazionale di solidarietà nei confronti dei Gard e dello spiraglio aperto dallo studioso della Columbia con il conforto di alcuni specialisti internazionali, fra i quali un medico del Bambin Gesù di Roma il cui nome resta per ora riservato. Hirano, dopo la visita al Great Ormond, sarà sentito all'Alta Corte con gli altri specialisti stranieri dal giudice monocratico Nicholas Frances, l'uomo che ha stabilito nei mesi scorsi la sorte di Charlie, ma che poi ha accettato di aprire un supplemento di udienze. La procedura giudiziaria, stando alle previsioni di SkYNews, dovrebbe riprendere a questo punto in aula fra martedì 18 e mercoledì 19 luglio, mentre una parola finale è attesa al più tardi entro una decina di giorni.

ALTRO SU MSN:

Il dramma del piccolo Charlie (Mediaset)

Riproduci nuovamente video

Sponsorizzato:

Il tuo computer è troppo lento e non riesci a navigare su internet? Cambia in meglio. Scarica qui Windows 10

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon