Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Lo Stato dell'Unione di Juncker: Europa ha di nuovo vento in poppa. E l'Italia ne ha salvato l'onore

Logo Rai News Rai News 13/09/2017

Parla di tutto e individua 5 priorità ma c'è l'immigrazione in primo piano nel discorso sullo Stato dell'Unione. Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Junker parla di fronte al parlamento di Strasburgo, riunito in seduta plenaria. "Nel Mediterraneo centrale, l'Italia salva l'onore dell'Europa", scandisce  Juncker. Affrontando la questione dell'immigrazione, una delle cinque priorita' dell'azione europea illustrate dal presidente, Juncker ha voluto rendere "omaggio all'Italia per la sua perseveranza e disponibilita'". "Io stesso e la Commissione -ha sottolineato- lavoriamo in armonia con il primo ministro Paolo Gentiloni e con il suo governo". 

"Intensificare i rimpatri"

"Le persone che non hanno il diritto di soggiornare in Europa devono tornare nel loro Paese di origine", dice ancora il Presidente della Commissione, annunciando per l'autunno un'iniziativa per "intensificare i rimpatri". Oggi "solo il 36% dei migranti in situazione irregolare" vengono rimpatriati: "Dobbiamo intensificare significativamente la nostra azione", ha detto. Secondo il presidente della Commissione, "e' solo in questo modo che l'Europa potra' dar prova di solidarieta' nei confronti dei rifugiati che hanno bisogno di protezione".  "Ma l'Europa non e' non sara' mai una fortezza, sara' sempre il continente della solidarieta'", dice però Juncker.  

"L'Europa ha di nuovo il vento in poppa"

Jean-Claude Juncker (Ap Photo) © Fornito da Rai News Jean-Claude Juncker (Ap Photo)

 L'Europa ha "di nuovo il vento in poppa", sostiene Juncker di fronte ai parlamentari europei. "L'economia si sta riprendendo in tutti i Paesi" ha detto Juncker. "Sono stati creati otto milioni di posti di lavoro e ora lavorano 230 milioni di europei, di piu' rispetto a prima della crisi". Secondo il presidente della Commissione, "ora e' il momento di costruire una Unione europea piu' integrata, guardando al 2025". 

"Serve un ministro dell'economia europeo"

Nell'Ue "serve un ministro europeo dell'Economia e delle Finanze per promuovere le riforme negli Stati membri. Il ministro dovrebbe coordinare tutti gli strumenti di finanziamento dell'Ue e intervenire" nei casi di crisi. "Non penso ad una nuova carica: per ragioni di efficienza, il commissario europeo agli Affari economici e finanziari può svolgere questo ruolo, presiedendo anche l'Eurogruppo".

Una nuova agenzia per la cybersicurezza

Juncker ha annunciato anche la creazione di un'Agenzia europea di Cybersicurezza per prevenire la cybercriminilità, considerata "un vero pericolo per la democrazia". "I cyberattacchi - ha spiegato Juncker nel suo discorso sullo stato dell'Unione in seduta plenaria del Parlamento Ue a Strasburgo - sono a volte molto più pericolosi che i fucili e i carri armati" per la democrazia e la stabilità dei Paesi.

I vaccini: "Inammissibili i morti in Italia"

"E' inammissibile che bambini muoiano di malattie che sarebbero dovute scomparire dal nostro continente", argomenta anche Juncker.  "I bambini in Italia e Romania dovrebbero avere accesso ai vaccini come in altri paesi d'Europa", ha spiegato Juncker, annunciando sostegno da parte dell'Ue alle "campagne nazionali di vaccinazione". 

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Rai News

image beaconimage beaconimage beacon