Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Medvedchuk, chi è l'oligarca (alleato di Putin) scambiato con 200 soldati ucraini prigionieri della Russia

Logo Il Gazzettino Il Gazzettino 22/09/2022 Redazione Web
Viktor Medvedchuk © Internet (altro) Viktor Medvedchuk

Lo scorso aprile, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ne aveva annunciato la cattura con una foto sui social in cui compariva ammanettato e vestito con un'uniforme mimetica dell'esercito ucraino: un travestimento. Ieri Viktor Medvedchuck è stato rilasciato da Kiev in uno scambio con la Russia mediato da Turchia e Arabia Saudita.

Lo scambio di prigionieri tra Kiev e Mosca

«Abbiamo scambiato un fan della Russia con oltre 200 soldati. Non è un peccato dare Victor Medvedchuk in cambio di veri guerrieri: ha già fornito all'Ucraina tutto ciò che è necessario per stabilire la verità nei procedimenti penali in corso su di lui»: così Zelensky ha commentato la liberazione dell'oligarca ucraino filorusso.

Chi è Viktor Medvedchuck

Sessantasette anni, Viktor Medvedchuck è tra i più stretti alleati di Vladimir Putin: il presidente russo è il padrino della figlia Daryna avuta dalla moglie Oksana Marchenko, nota presentatrice televisiva ucraina con cui è sposato dal 2003. I due, Putin e Medvedchuck, spesso, in passato, hanno preso parte insieme ad eventi sportivi e manifestazioni. Putin lo voleva a capo di un governo fantoccio di Kiev, al posto di Volodymyr Zelensky.

Avvocato (è stato il presidente dell'Ordine degli avvocati dell'Ucraina dal 1990 al 1997) e imprenditore, Medvedchuck si è arricchito grazie anche ai profitti derivanti dal suo impianto petrolifero con sede in Russia a Novoshakhtinsk, nella regione di Rostov. La raffineria è stata sanzionata da Kiev per presunte forniture di petrolio alle regioni separatiste del Donbass.

Le accuse

È stato accusato di saccheggio di risorse nazionali nella Crimea occupata, diffusione di segreti di stato e attività sovversive a svantaggio dell'Ucraina. Accuse che lo hanno portato ai domiciliari nel maggio del 2021. Evaso a febbraio 2022 pochi giorni dopo l'invasione russa dell'Ucraina, Medvedchuck era stato poi catturato e arrestato nel mese di aprile 2022. «Repressione politica»: così l'oligarca ha più volte definito le accuse nei suoi confronti.

Viktor Medvedchuck, tra il 2002 e il 2005, è stato il capo dello staff del presidente ucraino Leonid Kuchma e deputato a capo del principale partito filorusso dell’Ucraina. Una sua caratteristica è sempre stata quella di saper mescolare bene affari e politica, al servizio del Cremlino e di Putin.

Lo yacht di 93 metri

Il suo Royal Romance, uno yacht di 93 metri dal valore di 200 milioni di dollari, è stato sequestrato in Croazia lo scorso marzo dopo che gli Stati Uniti e l’Unione Europea lo hanno inserito nella lista degli individui vicini al Cremlino colpiti dalle sanzioni.

La lussuosa carrozza ristorante nel giardino di casa

Nel giardino della sua villa nel quartiere Pushcha-Vodytsya di Kiev, abbandonata da Medvedchuck e la moglie subito dopo l'inizio della guerra tra Ucraina e Russia, i giornalisti della testata online Slidstvo hanno rinvenuto un grande cubo ricoperto da una rete mimetica che al suo interno nascondeva un binario ferroviario dotato di una lussuosa carrozza ristorante in grado di ospitare fino a 40 persone: un regalo per il compleanno della moglie Oksana.

Per riavere Medvedchuk, Putin ha ceduto all'Ucraina oltre 200 prigionieri, e questo ha un significato preciso: il ruolo dell'oligarca ucraino filorusso ha ancora un peso importante e cruciale nella politica del Cremlino.

Armi nucleari, Putin ha l'arsenale più grande al mondo. Anche Cina e India chiedono il cessate il fuoco in Ucraina

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Gazzettino

image beaconimage beaconimage beacon