Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Acireale (Catania), cugini uccisi: confessa l'agricoltore fermato | "Ero esasperato dai furti di limoni"

Logo Tgcom24 Tgcom24 23/06/2022 Redazione Tgcom24
Acireale (Catania), cugini uccisi: confessa l'agricoltore fermato | "Ero esasperato dai furti di limoni" © Ansa Acireale (Catania), cugini uccisi: confessa l'agricoltore fermato | "Ero esasperato dai furti di limoni"

È un agricoltore, Giuseppe Battiato, l'uomo fermato da carabinieri della compagnia di Acireale nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Catania sul duplice omicidio scoperto mercoledì in un fondo agricolo di contrada Pennisi. L'uomo avrebbe ammesso le proprie responsabilità motivando il gesto con l'esasperazione per il continuo ripetersi dei furti di limoni nel suo agrumeto. Le vittime sono Virgilio Cunsolo Terrano, 29 anni, e Vito Cunsolo, 30 anni.

Durante la notte i carabinieri hanno sentito familiari, amici e conoscenti delle due vittime, che sarebbero parenti tra loro, per ricostruire la loro personalità e le loro frequentazioni. A cercare Cunsolo e Cunsolo Terrano erano stati alcuni familiari, visto che il giorno prima non erano rientrati a casa. Mercoledì sera ci sono stati momenti di tensione dopo il ritrovamento dei due cadaveri. Le vittime abitavano nel popoloso rione di Librino.


Video: Omicidio Catania, comandante Carabinieri: «Premeditazione? Si era procurata strumenti per occultamento» (Corriere Tv)

Riproduci nuovamente video

LEGGI ANCHE > Uccide due giovani a Napoli credendoli ladri, lo zio di una delle vittime: "Nel posto sbagliato, al momento sbagliato" 

La dinamica del duplice omicidio - Giuseppe Battiato, 50 anni, pensionato, ha detto di essere stato svegliato intorno alle 3 di notte dalla presenza in casa sua dei due giovani, che giorni prima l'avrebbero minacciato e invitato ad abbandonare la proprietà e di aver fatto fuoco con una pistola che teneva "sotto il cuscino per il timore di subire ulteriori minacce e furti, come negli anni passati era già avvenuto". Successivamente avrebbe trasportato i due corpi nel luogo del ritrovamento con una carriola adibita al trasporto dei limoni. Al momento del ritrovamento dei due cadaveri, il 50enne ha confessato il reato e fatto ritrovare l'arma utilizzata, una pistola semiautomatica Browning 7,65, che aveva nascosto sotto una palma nana con il telefono cellulare di una delle due vittime.

Davanti al magistrato, Battiato ha fornito i dettagli dell'accaduto. "I rilievi effettuati dalla Sezione Investigazioni Scientifiche del Reparto operativo del Comando provinciale dei Carabinieri di Catania e l'ispezione cadaverica effettuata da un medico legale - precisa la Procura - hanno allo stato confermato la versione" del 50enne "nell'attesa comunque dei necessari esami autoptici e degli ulteriori accertamenti investigativi per dare riscontro alle dichiarazioni dell'uomo". Giuseppe Battiato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da TGCOM24

image beaconimage beaconimage beacon