Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Alfa Romeo Castello, si chiamerà così il super SUV del Biscione?

Logo motor1 motor1 12/10/2018 Francesco Stazi


Cinque o Sette porti e solo motori a benzina, aumentano le indiscrezioni sul prossimo rialzato che piace agli USA

I tempi sono maturi per il secondo SUV Alfa Romeo. Oltre al rendering che vi avevamo proposto qualche tempo fa, in questi giorni è il nome Castello che sta catalizzando l’attenzione. Ovviamente non ci sono riscontri ufficiali da parte di FCA così come lasciamo alle interpretazioni personali se il nome "Castello" si riferisca a un passo alpino (esiste il Passo del Castello) in coerenza con la “via” inaugurata da Stelvio o semplicemente alla "rocca" di Milano (il Castello Sforzesco), città natale di Alfa Romeo. 

Quello che vorrebbero negli USA

Quello che è abbastanza logico pensare è che i mercati di riferimento di un’auto del genere, di segmento E, sarebbero gli USA e la Cina. Con i primi che già dall’uscita della Stelvio “bramano” un SUV italiano degno delle misure a cui sono abituati. Per questo la Castello potrebbe essere il prodotto ideale, magari con una motorizzazione ibrida o, addirittura, ibrida plug-in, coerentemente con il piano industriale presentato a giugno. Andando sempre a indagare fra le indiscrezioni, il SUV di taglia grande del Biscione potrebbe debuttare alla fine del prossimo anno (o inizio 2020) e proporrebbe ovviamente fino a sette posti.

Alfa Romeo 4C, quale futuro per la sportiva del Biscione?

Alfa Romeo GTV: la Giulia sarà anche Coupè

Solo motori a benzina?

La piattaforma potrebbe essere quella Giorgio che ha dato in natali anche alla Stelvio e alla Giulia oppure si potrebbe basare sulla Maserati Levante ed essere costruito a Mirafori o Cassino. Per quanto riguarda le motorizzazioni si va ancora di più sulle pure speculazioni. Le dimensioni, si parla di 4,90 m, giustificherebbero l’utilizzo del turbodiesel 2.2 o 3.0 V6, ma le tendenze recenti del Gruppo potrebbero far pesare la bilancia unicamente verso il 2.0 turbo benzina, ma “aiutato", come detto, anche da un sistema mild-ibryid a 48 V. Il motore endotermico garantisce 280 CV e, con l'aiuto dell'elettrico, arriverebbe fino a 350/400.

ALTRO SU MSN:

Alfa Romeo B-Tech (Mediaset)

Riproduci nuovamente video

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Motor1.com

image beaconimage beaconimage beacon