Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Boris Johnson promette, servirà un visto stile Usa per entrare in Regno Unito

Logo HuffPost HuffPost 03/12/2019 HuffPost

Controlli per entrare nel Regno Unito, con visto elettronico e passaporto obbligatorio, e controlli per restarci. Boris Johnson fa la faccia feroce, a 10 giorni dalle elezioni britanniche del 12 dicembre, e gioca la carta di una stretta sull’immigrazione, allargata dal 2021 ai cittadini dei Paesi dell’Ue. E alla massa dei turisti.

Riproduci nuovamente video

Deciso a raddrizzare i sondaggi, che restano largamente favorevoli al suo Partito conservatore, ma con qualche oscillazione preoccupante sulla prospettiva di tenere a distanza il Labour di Jeremy Corbyn e garantirsi una vitale maggioranza assoluta di seggi nella prossima Camera dei Comuni, il premier fa leva sul pugno di ferro e sui temi della sicurezza. Un refrain che nel week end non ha esitato a sollevare anche sul dossier terrorismo, sull’onda dell’emozione per il sanguinoso attacco di London Bridge compiuto da Usman Khan, ex detenuto jihadista in libertà vigilata, a costo di farsi accusare di voler “strumentalizzare” a fini elettorali la battaglia contro le ‘scarcerazioni facili’ glissando sulle negligenze imputabili nell’ultimo decennio ai governi a guida Tory. E che prova adesso a spostare di bersaglio, tornando al più ordinario richiamo alla linea del Piave della questione migratoria: secondo i piani del programma conservatore in materia illustrati oggi dalla sua ministra dell’Interno, Priti Patel, falco tra falchi in un governo e in un partito a trazione sempre più euroscettica.

Boris Johnson © Fornito da HuffPost Boris Johnson

Programma che prevede, se i Tories avranno successo alle urne, l’introduzione d’un rigoroso sistema di controllo alle frontiere del Regno - denominato Eta (Electronic Travel Authorisation) e simile all’Esta in vigore per i visti d’accesso negli Stati Uniti - a partire dalla fine del periodo di transizione post Brexit previsto per ora nel rispetto dello status quo sino al 31 dicembre 2020. In sostanza i viaggiatori senza visto permanente dovranno comunicare online i loro dati.

L’obiettivo dichiarato del governo è quello d’impedire gli ingressi fraudolenti attraverso l’uso di documenti Ue, al momento quantificati in circa mille all’anno. Ma più generale la promessa è un giro di vite sul flusso migratorio complessivo, secondo il modello di filtri adottato per esempio in Australia, con una sorta di valutazione a punti delle “qualità” (talenti, attitudini, compatibilità con le esigenze o le priorità del Paese ricevente) di chi bussa alle porte d’entrata. Un modello erga omnes nel quale i cittadini europei verranno equiparati dal primo gennaio 2021 agli extracomunitari: con l’obbligo di compilazione di moduli online anche per i semplici turisti e attesa di un ok dalle autorità britanniche all’ingresso 3 giorni prima dell’arrivo in qualsiasi aeroporto o porto dell’isola.

Di conseguenza la carta d’identità, utilizzabile oggi per viaggiare dal continente (e dall’Italia) verso Londra e il resto della Gran Bretagna, non basterà più: servirà necessariamente il passaporto. Gli europei sulle cui fedine gravassero condanne di un certo (imprecisato) peso potranno essere inoltre rispediti a casa in ogni momento. E, a scanso di ‘imboscamenti’, non mancherà un conteggio elettronico In & Out di entrate e uscite.

“A causa delle leggi Ue, droga e armi entrano oggi nel nostro Paese dall’Europa, accrescendo il rischio di violenze e tossicodipendenze. Dopo la Brexit i nostri confini saranno molto più sicuri”, ha sentenziato la ministra dell’Interno di Johnson.

Parole propagandistiche, le ha però replicato a stretto giro Diane Abbott, ministra dell’Interno ombra laburista, stando alla quale la “hard Brexit” di BoJo e soci azzopperà semmai la cooperazione investigativa e d’intelligence con i 27. E dunque, nella realtà, “la sicurezza” stessa del Regno.

Scegli tu!
Scegli tu!

ALTRO DA HUFFPOST

image beaconimage beaconimage beacon