Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Draghi all’Italia: ridurre l’alto debito è una responsabilità oltre le regole Ue

Logo Corriere della Sera Corriere della Sera 07/11/2018 Redazione Economia
© Fornito da RCS MediaGroup S.p.A.

Ridurre l’alto debito è una responsabilità che va al di là di quanto richiesto dalle regole europee. È il messaggio rivolto a Roma dal presidente della Banca centrale europea Mario Draghi nel suo intervento durante la sessione dell’Eurogruppo dedicata al progetto di bilancio dell’Italia di lunedì scorso. Lo hanno confermato fonti europee a Reuters. Ma la riunione è a porte chiuse e il portavoce della Bce — ha precisato Reuters — non commenta. Al di là delle regole specifiche sulla governance economica — questo il ragionamento e l’avvertimento di Draghi — uno Stato dell’unione monetaria deve assumersi la responsabilità in quanto compartecipe della responsabilità collettiva che deriva dall’adozione della stessa moneta. Alla riunione dell’Eurogruppo il ministro italiano Tria si sarebbe trovato isolato a difendere la manovra italiana e aveva lasciato il vertice in anticipo.

La manovra di Lega e 5 Stelle arriva alle Camere: novità e rinvii

Altre fonti Ue aggiungono che Draghi, nel corso del suo intervento, ha sottolineato che politiche di bilancio sane sono fondamentali per il buon funzionamento dell’Unione economica e monetaria e ha aggiunto che la Bce sostiene la Commissione come custode del Patto di Stabilità e di crescita. Prima dell’Eurogruppo, Draghi aveva pubblicamente ammonito Roma per aver fatto salire lo spread e aver indebolito il capitale delle banche italiane, che possiedono circa 375 miliardi di euro di titoli di Stato. Di fatto la Commissione Ue ha incassato sul caso Italia il sostegno dei 18 ministri finanziari dell’unione monetaria e della Bce.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro dal Corriere della Sera

image beaconimage beaconimage beacon