Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati.
Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Fabio Fazio: «È vero, guadagno tanto»

Logo Cover Media Cover Media 13/09/2017 covermg.com

Ma quanto guadagna Fabio Fazio? Negli ultimi mesi si è parlato delle cifre più disparate: ora il conduttore di Che tempo che fa, fresco di rinnovo di contratto con la Rai (e di uno stipendio milionario) ha fatto un po’ di chiarezza.

© Provided by Cover Media Ltd

«È stata un’estate tra alti e bassi. Il mio borsino saliva e scendeva: prima 11 milioni, poi 19, 52, 70, fino a un picco di 83; poi perdevo 50 milioni secchi e diventavano 20. Il record l’ha stabilito di recente un quotidiano importante: 870 milioni. Una finanziaria», racconta al Corriere della Sera.

La cifra vera, prosegue, è «due milioni e 240 mila euro l’anno, per quattro anni. Il totale fa 8 milioni 960.000; ma, non si sa perché, tutti i giornali hanno scritto 11 milioni e 200».

Una cifra comunque considerevole, anche se Fazio fa notare: «Il programma costa tutto compreso 450 mila euro a puntata. La metà di qualunque varietà, molto meno di qualsiasi fiction. Questa operazione rappresenta un tentativo di portare un talk in prima serata, dove solitamente stanno i varietà e ha un risvolto pratico: anche con uno o due punti in meno di share, il risparmio è notevole».

Quanto agli attacchi e alle polemiche che lo hanno visto oggetto, risponde: «Se lavori di più, non è dato che tu chieda di essere pagato di meno. Una società fondata sul denaro arriva al paradosso che, a seconda dei punti di vista, il denaro misura non il valore o il merito, ma il privilegio. Questa è la lezione che ho capito. Se anziché due milioni fossero uno o tre, non sarebbe diverso».

«Chiunque lavori in Rai - conclude - guadagna enormemente di meno che altrove. Il vero punto è il ruolo della tv pubblica. Che oggi vende pubblicità come le altre. Se si decide che la Rai non deve più stare sul mercato, si può fare. Si riduce a una sola rete, si finanzia solo con il canone, sfoltisce metà dei dipendenti. Vogliamo questo? Una squadra di serie A può pagare i suoi calciatori un decimo delle rivali?».

Scegli tu!
Scegli tu!
image beaconimage beaconimage beacon