Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Caso Spataro, polemica al Csm. Cascini: "Salvini non faccia il ragazzino". Poi si scusa

Logo La Repubblica La Repubblica 05/12/2018
© Fornito da La Repubblica

Il caso Spataro-Salvini non si chiude. A provocare un nuovo picco polemico - dopo lo scontro di ieri sul tweet del ministro dell'Interno che potrebbe aver danneggiato l'inchiesta torinese sulla mafia nigeriana - è Giuseppe Cascini, capogruppo al Csm di Area (il gruppo che unisce la storica corrente di Magistratura democratica e il Movimento giustizia). "Non possiamo trascinare questo Paese e le sue istituzioni nel mondo dei social. Non siamo ragazzini e se un ragazzino assume incarichi istituzionali bisogna fargli capire che non è più un ragazzino e che deve avere un atteggiamento consono al ruolo", ha detto Cascini.

E ancora: "Il ministro dell'Interno non può permettersi di rispondere come ha fatto a un rilievo critico, fosse anche infondato. Non è ammissibile che si risponda con il dileggio, lo scherno, l'irrisione nei confronti di un servitore dello Stato. Non possiamo ridurre tutto a chi fa la battuta più veloce e dice la cattiveria più intrigante: questo lo fanno i ragazzini a scuola". Parole pronunciate in apertura del plenum del Consiglio superiore della magistratura, provocando accese reazioni. ll laico di Forza Italia Alessio Lanzi ha chiesto l'intervento formale del vicepresidente Ermini "perché non si può parlare qui come al bar e definire ragazzino un ministro".

Ma l'intervento di Cascini non è piaciuto anche ad alcuni togati. "È un errore definire il ministro un ragazzino" ha osservato il capogruppo di Magistratura Indipendente Corrado Cartoni, che ha espresso anche qualche critica nei confronti di Spataro. "Anche quando il magistrato ha ragione le forme di comunicazione devono essere più sobrie possibili e in questa vicenda forse la forma di comunicazione è stata sbagliata: si poteva fare per vie istituzionali o con una telefonata al ministro".  E dallo stesso gruppo il consigliere Paolo Criscuoli, ha avvertito: "se attacchiamo con parole sprezzanti un magistrato in un caso, un ministro della Repubblica nell'altro, concorriamo a lacerare il senso delle istituzioni". Reazioni che hanno costretto Cascini a una precisazione: 'Non ho chiamato ragazzino il ministro dell'Interno - ha detto Cascini - se qualcuno ha inteso così significa che mi sono espresso male, e chiedo scusa".

"Ogni legittimo confronto e le connesse posizioni siano portate avanti abbassando i toni e rispettando i profili e i percorsi professionali", chiede il presidente dell'associazione nazionale magistrati Francesco Minisci.

Intanto il ministro della Giustizia Bonafede, in uno sforzo di equidistanza, dice: "Spataro e Salvini? Credo che entrambi abbiano agito con buonafede e correttezza. Vorrei capire dove c'è stato il cortocircuito comunicativo ma non rientra tra le mie competenze valutarlo". Bonafede "auspica che il buon esito" dell'operazione  anticipata dal ministro dell'Interno tramite un tweet "non sia stato pregiudicata".

Video: Lite Salvini-Spataro, il ministro Bonafede: "Corto circuito, corretti entrambi"

E insiste: "Non metto in dubbio che Salvini non volesse pregiudicare l'esito delle operazioni ma semplicemente congratularsi con le forze dell'ordine. Lui ha detto di essere sicuro che l'operazione fosse stata conclusa".

In tanti in queste ore hanno paragonato il tweet di Salvini a un altro improvvido intervento social: quello dell'allora ministro Alfano - certo non amato dal leader del Carroccio - sul caso dell'omicidio di Sara Gambirasio. Alfano parlò allora di un "assassino" subito dopo l'arresto di Bossetti, ignorando la presunzione di innocenza. alfano

E in quella circostanza Salvini si scagliò duramente contro Alfano.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon