Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Coronavirus, Gallera replica ad Arcuri: "Le uniche carenze sono sue"

Logo Il Giornale Il Giornale 6 giorni fa Federico Giuliani
LaPresse © Fornito da Il Giornale LaPresse

Botta e risposta a distanza tra Domenico Arcuri e Giulio Gallera, con l'assessore al Welfare della Lombardia che ha replicato piccato al commissario per l'emergenza Covid, per il quale, nei mesi scorsi, alcune regioni non si sarebbero adeguatamente attrezzate in termini di terapie intensive.

La replica di Gallera

"Penso che il commissario Arcuri abbia fatto una battuta, non può credere a ciò che ha detto. I respiratori che ha inviato Arcuri li stiamo usando tutti", ha detto Gallera, a Stasera Italia, su Rete 4, spiegando invece come sia il governo a non aver ancora mandato le risorse promesse.

Per quanto riguarda l'estensione delle terapie intensive, ha proseguito Gallerà, in Regione Lombardia, il governo ha stanziato 250 milioni di euro e i soldi non sono ancora arrivati. "Ieri sono state individuate le aziende ospedaliere come enti attuatori e il commissario non ha ancora individuato le aziende che devono fare i lavori. Quindi - ha aggiunto Gallera - da questo punto di vista, le uniche carenze e l'unico ritardo sono del commissario. Detto questo, in Lombardia le terapie intensive ci sono".

Scendendo nel dettaglio, per Gallera non è vero che l'Italia non è pronta alla seconda ondata, né che le regioni siano impreparate. "Non è vero che l'Italia in questi mesi non si è preparata, siamo la Nazione, e la Lombardia ha l'indice più basso di diffusione del contagio, migliore nel panorama europeo", ha ribadito l'assessore al Welfare della Lombardia.

"Noi tracciamo, inseguiamo il virus, il 90% dei positivi è asintomatico. Persone che stanno bene e sono scovate per l'azione dei dipartimenti di prevenzione e dei tamponi", ha dichiarato. "I numeri dei contagi crescono, proviamo per tempo a mettere in campo misure ma dire siamo stati presi alla sprovvista o che non siamo pronti è ingeneroso e non corrisponde alla realtà", conclude.

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Giornale

image beaconimage beaconimage beacon