Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Cottarelli: «Con governo Lega-M5S nessun aumento spread»

Logo Il Messaggero Il Messaggero 21/04/2018
© Ansa

«Al momento un governo Lega-Movimento 5 Stelle non causerebbe un aumento dello spread perché i mercati finanziari sono narcotizzati da una grande di liquidità per l'intervento della Bce e poi, soprattutto, dal fatto che c'è crescita. Finché c'è crescita, lo spread, secondo me non andrà su di molto». Lo ha affermato Carlo Cottarelli intervistato da Maria Latella a Sky Tg24. «Noi dobbiamo aver paura se ci fosse uno shock che venga dall'esterno ad esempio, - ha proseguito - che mandi l'Italia in recessione perché non siamo in grado di sostenere uno shock, quello sì che farebbe ripartire lo spread. E in quella situazione avere al governo qualcuno che magari ha intenzione di risolvere la questione spendendo di più sarebbe un problema».

Prossimo governo Il prossimo governo non dovrebbe occuparsi dell'abolizione dell'art. 18 ma piuttosto di lotta all'evasione fiscale e alla burocrazia, ha detto Cottarelli. Fare un ministro in un governo italiano per un italiano sarebbe «un onore per un italiano - ha detto Cottarelli, attuale direttore dell'Osservatorio sui Conti Pubblici dell'Università Cattolica del Sacro Cuore - ma dipende a fare che cosa. Credo ci siano certe cose importanti per i conti pubblici, non sono certo la persona giusta se l'obiettivo è quello di aumentare i deficit pubblico. casomai occorre ridurre deficit pubblico». «Non sono mai stato un fan dell'abolizione dell'Art 18 credo sia stata più che altro una battaglia di bandiera. Ci sono altre riforme molto più importanti in Italia: la lotta all'evasione fiscale e alla burocrazia è fondamentale. E i cosiddetti vincitori delle elezioni dovrebbero vedere favorevolmente, è una riforma a costo zero»

Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da Il Messaggero

image beaconimage beaconimage beacon