Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Salvini vuole Giorgetti ministro dell'economia

Logo AGI AGI 5 giorni fa
© Fornito da AGI - Agenzia Giornalistica Italia Spa

A cosa sta lavorando Matteo Salvini dopo l’apertura della crisi di governo lo scorso 8 agosto? “A un governo con Giancarlo Giorgetti ministro dell’Economia”.  Il vicepremier leghista lo dice nell’apertura di un’intervista con il Corriere della Sera in edicola. Ed è un tantino spazientito perché “hanno fatto il cinema per mettere il taglio dei parlamentari dopo la discussione della fiducia a Conte…”.

Tant’è, perché Salvini dice di aver preso “tali e quali le parole di Di Maio di cinque giorni fa, che diceva testuale che dopo il taglio delle Camere si poteva andare a elezioni. Ma se è dopo, significa che prima voti quello, e poi si apre la crisi”. Alla domanda se il capo dello Stato sarà mai d’accordo su un simile iter, Salvini risponde “io so che si è già fatto in passato, su materie rilevanti”.

Quindi sul fatto che i numeri d’Aula fotografino la nascita di una nuova maggioranza Pd-5Stelle, il leader della Lega conferma la sua lettura: “Che è l’inciucio”. Ma subito dopo aggiunge: “Però, voglio proprio vedere Paragone e la Boschi che votano insieme la commissione d’inchiesta sulle banche. Oppure quella sulle case famiglia tipo Bibbiano”.

Poi Salvini lascia andare un messaggio in bottiglia: “Aggiungo che, a differenza di quello che dicono Renzi e Di Maio, con il nostro governo non è in discussione quota 100 e non si toglieranno gli 80 euro. Semmai, sarà doveroso verificare il reddito di cittadinanza. Ci arrivano centinaia di segnalazioni, molte delle quali a me personalmente, da parte di imprenditori che quest’anno non riescono ad assumere i lavoratori che avevano l’anno scorso”.

Sul mancato incontro con Silvio Berlusconi dice solo “ma dai… Ho letto cose da pazzi… Che si vogliono i notai per firmare gli accordi…”. E se non si sono visti è perché ha trascorso “gran parte della giornata al Viminale” alle prese con “le navi di 5 Ong con 500 ospiti a bordo, c’erano due bimbi di sei mesi in difficoltà che eravamo pronti ad accogliere... E poi ho chiuso il dossier di Castel Volturno dove ci occuperemo di camorra, mafia nigeriana, rifiuti che scompaiono...”. “ Con Berlusconi ci siamo sentiti per telefono” con il quale però non si è “messo a parlare di listini e listoni”. E assicura che “nessuno vuole inglobare nessuno” tanto più che “nemmeno sappiamo se e quando si vota”.

Poi una stoccata alle opposizioni, specie al Pd, “che in qualunque parte del mondo hanno fretta di votare, il Pd, invece, ha bisogno di tempo per inciuciare” e la priorità della Lega “è sventare l’inciucio”. Con quale formula e quale squadra “ci ragioniamo”, chiosa poi. Senza nascondersi che “il rischio c’è” che possa nascere un nuovo governo che taglia fuori la Lega ma, aggiunge anche che “se avessi voluto una vita comoda, saremmo rimasti in sette sulle nostre poltrone, facendo finta che andasse tutto bene. E invece si è cominciato a litigare su tutto...”. Pertanto il suo obiettivo è “fare una manovra importante e coraggiosa con una persona di cui si fida il mondo come Giorgetti”, ribadisce nuovamente il concetto.

Motivi veri della rottura con i 5Stelle? Sono più d’uno, risponde il ministro dell’Interno e vicepremier: “Il voto sulla Tav, il voto europeo per la presidenza di Merkel e Macron, il ministro dell’Ambiente che non vuole gli inceneritori...”. Quanto ad aver aperto la crisi alla vigilia di Ferragosto si dice “contento” perché gli è arrivata “una marea di messaggi”, operai imprenditori “che stanno lavorando anche in agosto e non capiscono perché non possano farlo i parlamentari”.

LEGGI ANCHE: In Senato nasce la nuova alleanza Pd-M5S. E Salvini non ritira i ministri



Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da AGI

image beaconimage beaconimage beacon