Stai usando una versione precedente del browser. Usa una versione supportata per vivere al meglio l'esperienza su MSN.

Vilipendio a Napolitano, Cassazione conferma la condanna a Bossi

Logo La Repubblica La Repubblica 12/09/2018
Umberto Bossi © Fornito da La Repubblica Umberto Bossi

Ora la sentenza è definitiva. La Cassazione ha confermato la condanna ad un anno e 15 giorni di reclusione per l'ex leader della Lega Umberto Bossi accusato di vilipendio al presidente della Repubblica per aver definito "terrone" Giorgio Napolitano e avergli fatto il gesto delle corna durante un comizio nel 2011. La prima Sezione penale della Suprema Corte ha anche condannato Bossi a pagare 2.000 euro alla Cassa delle ammende.

Con questo verdetto è stata dunque resa definitiva la condanna emessa l'11 gennaio 2017 dalla Corte d'Appello di Brescia. In primo grado il fondatore della Lega era stato condannato a 18 mesi.  Il fatto risale al 29 dicembre 2011: nel corso di una manifestazione del Carroccio ad Albino, nel Bergamasco. Scoppiarono polemiche, con decine di querele presentate da comuni cittadini e un esposto, che ha poi innescato l'iter giudiziario. Veniva denunciato un "attacco sovversivo contro l'Unità d'Italia e i suoi organi costituzionali". A nulla era valsa la tesi della difesa, secondo cui le affermazioni di Bossi sarebbero rientrate nell'esercizio delle sue funzioni istituzionali. 

 
Scegli tu!
Scegli tu!

Altro da La Repubblica

image beaconimage beaconimage beacon